Centro di raccolta a Udine Est:«Nessuna intenzione di procedere all'apertura»

L'intervento del consigliere di maggioranza Giovanni Govetto sulla questione del centro di raccolta in viale Forze Armate a seguito della deposizione di quasi 900 firme:"Bisogna distinguere tra fake news a realtà"

Giovanni Govetto

Consegnate al Comune di Udine le quasi 900 firme del comitato che si oppone al centro di raccolta rifiuti in viale Forze Armate, a Udine Est. A intervenire sulla questione il consigliere di maggioranza Giovanni Govetto, chiarendo come "non ci fosse nessuna decisione di procedere all'apertura di un centro di raccolta in zona Udine Est".

La vicenda

Una raccolta firme inutile, quindi? Come spiega lo stesso Govetto, "la raccolta delle quasi 900 firme contro la realizzazione del 'centro rifiuti' di Udine Est è un buon esempio di come noi tutti viviamo in una realtà in cui, per i cittadini, risulta difficile distinguere tra fake news e realtà. Questa difficoltà è acuita da una generalizzata sfiducia nei confronti della politica che aumenta incertezza e diffidenza". Inoltre, il consigliere forzista ricorda come "sulla vicenda del centro sono intervenuti tutti: sindaco, assessore, io stesso come consigliere comunale della zona".

La decisione

"Non c’erano nemmeno le premesse per iniziare un confronto con la cittadinanza – continua Govetto –. È stato spiegato in diversi modi a coloro che si prodigavano a raccogliere le firme che, nel caso in cui fosse stata valutata un’ipotesi del genere, i cittadini sarebbero stati certamente coinvolti".

Sfiducia

La raccolta firme, comunque, è andata avanti lo stesso, e il consigliere commenta: "Nonostante ciò i promotori non hanno ritenuto di fidarsi delle dichiarazioni degli amministratori, preferendo basarsi su alcune congetture e affermazioni di persone poco informate e che non avevano partecipato ai processi decisionali in tema di gestione dei rifiuti. Da questo si è originata una raccolta di firme che ha coinvolto centinaia e centinaia di persone. Ribadisco, nuovamente, come già fatto ampiamente sulla stampa, che non c’è la volontà politica di procedere all’apertura di un centro di raccolta in quella zona".

Confronto diretto

"Ricordo infine che per confrontarsi con gli amministratori non servono firme, basta bussare alla porta. I cittadini saranno da noi ascoltati indipendentemente dalla presenza di petizioni firmate", ci tiene a precisare Govetto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mille ordini a settimana: nessuno ferma più i friulani del delivery esotico

  • L'omino Michelin sorride ai ristoranti friulani, ecco le stelle 2021 della famosa Guida

  • Vaccino anti Covid-19, ecco il piano del Friuli Venezia Giulia

  • Dati in miglioramento: oggi la decisione del governo sul nuovo colore del Fvg

  • Nuovo record di contagi in FVG, oggi 1432 nuovi positivi e 25 morti

  • Femminicidio nella notte: uccisa una donna di 34 anni

Torna su
UdineToday è in caricamento