Regeni, investigatori a Cambridge ma i docenti non rispondono

Interpellati dagli inquirenti italiani hanno scelto la via del silenzio. Tra loro anche la tutor del ricercatore friulano

Gli inquirenti italiani si sono recati a Cambridge con la speranza di raccogliere elementi utili per arrivare alla verità sulla scomparsa di Giulio Regeni. Ma la missione in Inghilterra non ha portato buoni risultati: gli investigatori infatti hanno voluto ascoltare i docenti del ricercatore friulano, a partire dalla sua tutor Maha Abdelrahman che però si è rifiutata di replicare alle domande avvalendosi della facoltà di non rispondere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I pm italiani avevano ottenuto una rogatoria internazionale per ascoltare docenti vicini a Regeni e coinvolti nella ricerca in cui lo stesso Giulio era coinvolto. Dopo avere analizzato il pc del ricercatore friulano, si sono soffermati su alcune mail scambiate da Regeni con i suoi insegnanti in merito al lavoro svolto dal ragazzo di Fiumicello in Egitto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • 15 luoghi da non perdere in Friuli Venezia Giulia

  • Spiagge d'acqua dolce in Friuli: ecco dove fare il bagno

  • Cinque camminate facili a Udine e dintorni, alla ricerca del fresco

  • Friuli circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Coronavirus, aumentano anche in Fvg i positivi e nuovi contagi

  • Aumentano i contagi in Croazia: Lubiana pensa a toglierla dall'elenco dei paesi "sicuri"

Torna su
UdineToday è in caricamento