menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Paolo Gentiloni

Paolo Gentiloni

Caso Regeni, Gentiloni: «Se l'Egitto non collabora reagiremo in modo appropriato»

Il ministro degli esteri sembra perentorio sulla questione riguardante il giovane ricercatore ucciso nel paese nordafricano

«Se un cambio di marcia» nella collaborazione egiziana alle indagini sulla morte di Giulio Regeni «non ci sarà, il governo è pronto a reagire adottando misure appropriate e proporzionate». Lo ha spiegato il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni in un'informativa al Senato sul caso del ricercatore italiano uccisio in Egitto. 

«Siamo alla vigilia di importanti incontri che potrebbero essere decisivi per lo sviluppo dlele indagini. Credo importante che il Parlamento faccia sentire propria una voce unitaria», ha sottolineato Gentiloni. «Per ragioni di Stato non permetteremo che venga calpestata la dignità del nostro Paese. Credo sia legittimo - ha detto ancora Gentiloni - chiedersi se la fermezza delle reazioni di governo, magistratura, famiglia e Italia intera potrà riaprire il canale di piena collaborazione» dell'Egitto, «tra l'altro assicurato dal presidente al Sisi. Lo capiremo a partire dall'incontro tra gli inquirenti previsto giovedì e venerdì».

«Canale di piena collaborazione», ha insistito il ministro, «vuol dire acquisire documenti mancanti, non accreditare verità distorte e di comodo, accertare chi sono i responsabili, accettare l'idea che l'attività investigativa possa vedere un ruolo più attivo degli investigatori italiani».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, in Fvg 267 nuovi contagi e 12 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento