Svolta sul caso Regeni? Con lui 5 poliziotti in metropolitana

La rivelazione è arrivata dal tg di La7. Uno degli agenti sarebbe stato anche nella zona dove venne ritrovato il cadavere del ricercatore

A distanza di sei mesi dall'uccisione di Giulio Regeni spuntano nuovi elementi sulla scomparsa del ricercatore friulano. Come riferito dal Tg di La7 ci sarebbero stati infatti cinque poliziotti accanto a Regeni quando il ragazzo è salito sulla metropolitana, facendo poi perdere le sue tracce. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti lo avrebbero affiancato anche quando il ricercatore è sceso dalla stessa metro. A evidenziarlo sarebbe l'analisi del traffico delle celle, tramite il quale è emerso anche che uno di quei poliziotti era anche sulla strada dove è stato ritrovato il corpo senza vita di Giulio. Un'evenienza che escluderebbe quindi del tutto la pista della banda criminale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore in carcere a soli 22 anni, la Procura apre un'indagine

  • L'Ospedale cerca personale sanitario, la Casa di Cura lo mette in cassa integrazione: è scontro

  • Coronavirus: salgono a 1436 i casi positivi, 119 in più in un solo giorno

  • Al supermercato con naso e bocca coperti, l'ultima ordinanza di Fedriga

  • Triatleta corre 16 km in giardino «per le persone in prima linea per la nostra salute»

  • Non resiste alla quarantena, apre il bar e si trova con gli amici

Torna su
UdineToday è in caricamento