"Giornata del ricordo": striscioni di Forza Nuova sulle scuole

Il partito nazionalista, assieme alla sua frangia giovanile "Lotta studentesca", ha affisso all'esterno delle scuole cittadine degli striscioni polemici contro presunte omissioni della vicenda fiumano dalmata e delle foibe negli istituti

"10 febraio-prof cosa sono le foibe? mai più odio comunista". Questo il testo degli striscioni sistemati da Forza Nuova e Lotta Studentesca fuori da alcune scuole udinesi. A rivendicare il gesto è il responsabile di Ls Antonio Froncillo: «Quest'anno abbiamo voluto indurre i ragazzi a domandare ai propri professori cosa siano le foibe. Molti non lo sanno. La Giornata del Ricordo per i crimini dei comunisti titini non ha ancora la stessa risonanza dell'olocausto, ecco perchè ci battiamo per far conoscere a tutti le sofferenze che il nostro popolo dell'estremo est d'Italia ha subito per mano del comunismo». «Accanto agli striscioni - conclude Froncillo -abbiamo affisso dei manifesti su cui si è inteso porre l'accento sul patriottismo di chi, piuttosto di sottomettersi all'invasore jugoslavo, scelse di abbandonare l'Istria e la Dalmazia per sempre. Ecco perché su quei manifesti abbiamo riportato la frase di Indro Montanelli " Onore a chi fu italiano due volte: la prima per nascita, la seconda per scelta”».

Potrebbe interessarti

  • Post-sbornia: i rimedi per stare meglio dopo una bevuta

  • I sintomi, i rimedi e le cure per il morso del ragno violino

  • Quanto bisogna aspettare prima di fare il bagno?

  • E' vero che le zanzare preferiscono pungere certe persone rispetto ad altre?

I più letti della settimana

  • È friulano il migliore giovane neurologo d'Europa

  • Schianto mortale in Slovenia, perde la vita un 48enne friulano

  • Bambina di due anni trova una bomba scavando una buca in spiaggia

  • Scompare da casa e tenta il suicidio, i poliziotti la salvano per miracolo

  • Da lunedì chiusa un'uscita autostradale per cinque mesi

  • Incidente mortale in Slovenia, la vittima è un 48enne di Palmanova

Torna su
UdineToday è in caricamento