rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca Via Marsala / Via Melegnano

Giochi pericolosi e rotti, i genitori protestano per il degrado del parco Ilaria Alpi a Udine

Il parco Ilaria Alpi di via Melegnano non è in gran bella salute: giochi per bambini rotti, altalene che non esistono più, piastrelle antitrauma sconnesse e il vialetto invaso dalla terra

«Per mesi più che un castello giochi per bambini è sembrato un percorso da giochi senza frontiere e ora il risultato è che anziché ripararlo è più stato più facile transennarlo». È lo sfogo di una mamma che frequenta, con i suoi due bambini, l'area verde Ilaria Alpi in via Melegnano a Udine.

Uno dei parchi cittadini che, a giudicare dalle immagini scattate dalla mamma, non è in gran bella salute. Giochi per bambini rotti, altalene che non esistono più, piastrelle antitrauma completamente sconnesse, per non parlare della terra che ha invaso il vialetto asfaltato che gira attorno al parco. «Quando piove – prosegue la mamma – è impossibile passare perché il vialetto diventa una grande pozzanghera fangosa».

piastre sollevate giochi via melegnano-2

Il giardino che si trova a fianco della scuola elementare Ada Negri, è molto frequentato, ma purtroppo i giochi che il Comune a suo tempo aveva posizionato ora sono diventati fatiscenti e pericolosi. Come il ponticello in legno del castello giochi in cui alcune travi si sono staccate lasciando in bella vista i chiodi che le tenevano ancorate alla struttura.

Una questione diventata argomento di discussione anche nei vari gruppi social della città «In tanti – scrive un papà – avevamo segnalato la pericolosità di quel gioco, ma nulla era stato fatto fino a qualche giorno fa quando ci siamo trovati con parte del castello avvolto dalle recinzioni arancioni. Questo parco sarebbe molto bello, ma in queste condizioni diventa pericoloso farci giocare i bambini».

Parco Ilaria Alpi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giochi pericolosi e rotti, i genitori protestano per il degrado del parco Ilaria Alpi a Udine

UdineToday è in caricamento