menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Uno dei palazzi del Peep Est, nella foto di Marco Pavan

Uno dei palazzi del Peep Est, nella foto di Marco Pavan

Udine risponde al "petaloso" con il gergo di via Riccardo Di Giusto

Non sono di certo neologismi meritevoli di dignità letteraria come quello del piccolo Matteo, che fa fatto discutere parecchio in questi giorni, ma a loro modo segnano un pezzo di storia cittadina

Se il “petaloso” del piccolo Matteo ha ormai dignità letteraria, secondo quanto certificato dall’Accademia della Crusca, sono tante le parole e i neologismi che alimentano i differenti slang di vari microcosmi, dai gruppi di amici alle compagnie più nutrite, fino ad arrivare alle parlate di zone e quartieri delle città.

Udine non fa difetto in questo senso, e storicamente - sul tema - si è sempre dimostrata vivace. In particolare, a creare discussione, c’è sempre stato il gergo che si parla dalle parti del Peep Est- la zona che si sviluppa attorno a via Riccardo Di Giusto  per intenderci - nutrito da diversi termini, tutti più o meno connessi alle logiche della vita “di strada”.

Sul web resiste una raccolta di quello che si è sempre tramandato con la tradizione orale (un tempo c'era anche un vero e proprio dominio): si va dalla “A” di “appiccino” - per i profani l’accendino - alla “V” di “viole”, che di fatto sono le paranoie. In mezzo all’elenco numerosi altri termini, entrati a loro modo nella storia recente della città. Nessuno di questi è meritevole di menzione accademica, ma a più di qualcuno - leggendoli - ricorderà alcuni momenti di vita. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento