menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il treno dei desideri della Ferrovia Willy di Gemona del Friuli

Una linea ferroviaria, in scala, lunga circa 600 metri dove i bambini e i genitori possono viaggiare su vagoni trainati da locomotive elettriche e a vapore ricostruite fedelmente. La Ferrovia Willy è l'unico parco di questo tipo aperto al pubblico nel Triveneto e vive interamente di passione e volontariato. Il prossimo anno si inaugureranno ulteriori 200 metri di percorso e Carlo Mocellin, presidente dell'Associazione, chiede maggiore attenzione dalla politica.

A Gemona del Friuli esiste un posto fatato, quasi senza tempo. Nato dall’amore e dalla passione per il mondo ferroviario. Luogo dove i sogni, di quando si era bambini, si sono dapprima realizzati in hobby e poi concretizzati, con la tenacia e la generosità, in uno dei parchi a tema più originali e curati del nostro territorio. Un parco meraviglioso, dove realmente è possibile farsi trasportare e incantare dalla magia del treno dei desideri.

La Ferrovia Willy’ nasce 6 anni fa, dall’impegno di un gruppo di appassionati che realizza modelli di locomotive ferroviarie a vapore e elettriche realmente funzionanti. Per promuovere questo hobby e trovare un luogo dove poter far circolare il frutto del loro impegno (1 anno di lavoro per la costruzione delle locomotive elettriche e 2-3 anni per quelle a vapore), si sono dapprima riuniti in un’associazione , poi, grazie alla disponibilità dell’Hotel Willy che ha messo a disposizione il proprio terreno, hanno realizzato il parco, inaugurato a Pasquetta del 2008. Fanno parte dell’Associazione Culturale Ferrovia Willy un capostazione della Fuc, un ferroviere in servizio, un ex camionista in pensione, un giovane che ha da poco terminato le scuole superiori e altri hobbisti provenienti anche da fuori regione.  Oggi la Ferrovia Willy ha una linea ferroviaria  lunga circa 600 metri ed è completa di tutte le strutture che si trovano sulle vere ferrovie. Dalla stazioni per lo smistamento del traffico ferroviario al deposito locomotive, dalla piattaforma girevole alle colonne idrauliche. Una vera e propria ferrovia in miniatura, dove tutti hanno lavorato, prestando le proprie competenze, le proprie energie e realizzato prodotti di altissima precisione in scala 1/11 e 1/8.

La Ferrovia Willy di Gemona del Friuli è l’unico parco aperto al pubblico presente nell’intero Triveneto. A disposizione del pubblico ci sono 6 locomotive: 3 treni a vapore  e 3 elettrici. A queste fra qualche mese si aggiungerà la locomotiva di Luca Morettin, un giovane di Pordenone che ha da poco finito di studiare termotecnica all’I.P.S.I.A. di Pordenone. “E’ una passione che mi è nata da quando ero bambino. – ci racconta - Viene da dentro. Ora sto realizzando il mio treno. Ho recuperato il disegno vero, l’ho scalato e adesso sto lavorando con la fresa e il tornio alla produzione dei pezzi meccanici che poi monterò. Solo di materiali costerà un migliaio di euro ma è la mia passione e non vedo l’ora di mettere la mia locomotiva su questi binari”.

Anche Carlo Mocellin, il presidente dell’Associazione, ci racconta che questo suo hobby è germogliato in tenera età. “Avevo sette anni e andavo sempre nella stazione del mio paese a guardare i treni in transito. Non smettevo mai di osservarli. Ed è più o meno così anche oggi. Pensi che durante i giorni di apertura del parco, i primi a divertirsi siamo noi.  Siamo orgogliosi di far vedere al pubblico cosa abbiamo realizzato, specialmente ai bambini. Il loro sorriso ci spinge a fare sempre di più e sempre meglio. Tanto che ora stiamo già lavorando per aggiungere altri 200 metri al percorso esistente. Per una lunghezza totale che fra qualche mese raggiungerà circa gli 800 metri. Stiamo solo aspettando che gli amici di Cittadella vengano a saldare i binari. Pensi che è tutto basato sull’autofinanziamento e il volontariato. Il biglietto che si ritira all’ingresso ad esempio è su offerta libera. E l’abbiamo istituito solo per creare uno storico dell’andamento delle persone che frequentano il parco. I numeri che stiamo ottenendo sono molto buoni, circa 150 presenze ad apertura. Nonostante questo non ci aiuta nessuno, né dalla Regione, né dal Comune. Per fortuna abbiamo qualche privato che ci sponsorizza ma come posso dire… il carbone ha un suo costo”.

Giorni di apertura: da aprile ad ottobre ogni 1^ e 3^ domenica del mese (h 10-12, 14-18); Prossime aperture al pubblico: 1 e 15 giugno; 6- 18*- 19*- 20*- 25*-26*-27*  Luglio; 3-15-17 Agosto;  7-21 Settembre;  5-19 Ottobre 

*giornate in cui è prevista la Festa del Vapore, l’appuntamento più importante e frequentato dell’anno: oltre ai numerosi visitatori ed appassionati, sono ospitati gruppi di hobbisti provenienti da tutta Europa che partecipano con le proprie locomotive e convogli ad animare il parco. Nell’ambito della festa inoltre viene allestita una mostra fotografica e l’esposizione di numerosi plastici ferroviari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

Covid, oggi in regione 336 positivi e 29 vittime

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento