menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Evasione milionaria per un affermato chirurgo plastico che operava in regione

Era noto, aveva numerosi clienti e operava in Lombardia, Veneto e Friuli. Dichiarava però redditi modesti. La Gdf di Pordenone ha così denunciato un chiurgo plastico che avrebbe occultato al fisco, solo negli ultimi cinque anni, redditi per 2,6 milioni di euro. Vendeva inoltre prodotti diabetici che però potevano essere venduti solo nelle farmacie

Dichiarava redditi modesti, dell’ordine di qualche migliaia di euro l’anno, eppure era un affermato chirurgo plastico che visitava e operava la clientela in diversi studi medico-specialistici della Lombardia, del Veneto e del Friuli, due dei quali intestati ad una società di cui era anche amministratore. Sulla base di questa incongruenza la Guardia di Finanza di Pordenone ha proceduto ad una verifica per accertare se i redditi dichiarati dal professionista e dalla società da lui amministrata erano tutti quelli conseguiti o se parte di essi era stata nascosta al fisco.

Un’altra verifica fiscale veniva poi avviata a carico di una seconda società, ugualmente amministrata dal professionista, che si occupava della commercializzazione di prodotti dietetici ed ormonali. Le indagini svolte dai finanzieri hanno permesso di accertare che il numero di pazienti che negli ultimi anni si erano rivolti allo specialista era elevato e  quanto fosse effettivamente l' entità dei compensi percepiti dallo stesso. Al chirurgo sono stati contestati 2,6 milioni di euro di redditi occultati al fisco solo negli ultimi cinque anni.

Il professionista è stato quindi denunciato all' Autorità Giudiziaria che ha poi posto sotto sequestro tre immobili di sua proprietà. Un’altra denuncia a carico del professionista, questa volta per esercizio abusivo della professione di farmacista, veniva presentata a seguito dell’accertata commercializzazione di oltre 131.000 prodotti utilizzati per finalità  dietetiche ed estetiche che l’Azienda Italiana del Farmaco, invece, qualifica come medicinali e che pertanto potevano essere venduti solo nelle farmacie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento