menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine del Fvg Pride di Udine nel 2017

Un'immagine del Fvg Pride di Udine nel 2017

Manca una settimana al secondo Fvg Pride, tra polemiche e rivendicazioni

Sabato 8 giugno il corteo si svolgerà a Trieste che ha negato il patrocinio e l'occupazione di suolo pubblico, mentre il concerto sarà a Muggia

Manca una settimana al secondo Fvg Pride della storia della nostra regione e quella che sta per cominciare è la settimana dove si concentreranno più eventi ed incontri nell'attesa della parata dell'8 giugno, che si svolgerà a Trieste. Molte le differenze con l'edizione udinese del 2017, dove il sostegno dell'amministrazione cittadina e regionale non sono mancati, mentre la parata triestina si svolgerà nel segno della distanza con il Comune, che ha negato non solo il patrocinio, ma anche l'occupazione del suolo pubblico di piazza Unità d'Italia.

La parata

Il ritrovo è previsto sabato 8 giugno alle 14.30 in Piazza Libertà davanti alla Stazione ferroviaria; il corteo partirà e percorrerà le vie del centro per arrivare infine in Riva del Mandracchio altezza Hotel Savoia Excelsior.

Il Comune di Trieste, nelle persone del Sindaco e dei componenti della sua Giunta, ha negato al Fvg Pride l'occupazione del suolo pubblico della principale piazza della città: in Piazza Unità sosterà il corteo ma non sarà montato nessun palco né per i discorsi, né per il concerto, quindi senza palco si alzeranno comunque le rivendicazioni degli organizzatori e dei cittadini che li supportano.

Il concerto

Finito il corteo la festa per il Pride si sposterà a Muggia, nel piazzale di fronte ai cantieri San Marco. Fvg Pride Live sarà un vero e proprio music festival che celebrerà la fine del corteo. Una festa in musica gratuita che promuove e valorizza il lavoro di artisti queer della scena nazionale e internazionale: un’occasione unica per scoprire nuovi volti, nuovi suoni e nuove maniere di espressione artistica. Alle 20 inizierà il concerto, che avrà per protagonisti musicisti italiani e europei: il collettivo indie-rock di sole donne ?EN, l'artista di hip hop alternativo Tofel Santana, la musica queer pop di Splendore e Planningtorock, progetto di Jam Ronson. Dalle 24 si ritornerà a Trieste per la festa finale di Fvg Pride, ospitata al Mandracchio con dj-set a cura di DiscOrsetto, Oceanicmood e Nina Hudej.

Collaborazioni

Il Fvg Pride vanta la collaborazione con i Pride di Klagenfurt/Celovec e Zagreb: l'otto giugno anche in quelle città si terranno i rispettivi Pride, e i tre comitati hanno pensato di lanciare quindi l'iniziativa QueerAlpeAdria. È stato creato lo slogan "3 prides, 3 cities, 3 countries, 1 message": tre Pride in tre città di tre Stati differenti, ma che vogliono affermare con un’unica voce la richiesta di uguali diritti per tutti gli esseri umani.

Patrocini

Il Fvg Pride ha ricevuto il patrocinio dell'Università di Trieste e dell'Università di Udine, e di un buon numero di Comuni della Regione. I Comuni che hanno patrocinato l'evento sono Aiello del Friuli, Andreis, Cervignano del Friuli, Gradisca d'Isonzo, Grado, Marano Lagunare, Muggia, Resiutta, San Dorligo della Valle-Ob?ina Dolina, Sgonico-Ob?ina Zgonik, Terzo di Aquileia, Turriaco. È arrivata anche una lettera di patrocinio e sostegno al Fvg Pride dal Sindaco di Lubiana, Zoran Jankovi?.

I musicisti del Fvg Pride

?EN
Il collettivo di sole donne ?EN è nato nel 2010 a Zagabria, dove ha trovato la sua casa creativa nell'AKC Medika squat. ?EN disegna scherzosamente stereotipi di genere e collega i confini dell'audio e dell'arte visiva, evocando viaggi attraverso l'armonizzazione vocale immersi in una simbiosi progressiva di chitarra, basso, batteria e synth. Se dovessimo cercare di definirli per genere potremmo scegliere quello che più si avvicina alla loro musica: una forma complessa di indie-rock, informata da varie caratteristiche stilistiche che vanno dal post-rock allo shoegaze, al math-rock, al synth vintage e all'elettronica sperimentale.

Tafel Santana

Tafel Santana è un artista hip hop alternativo emergente tedesco e produttore di discendenza domenicana. Combina elementi di hip hop, electro, tribe, dubstep e industrial in un genere completamente nuovo, promettente e sperimentale, che viene spesso descritto come electro infused e raveready. È un fuoco d'artificio in persona e porta vibrazioni energetiche in ogni posto in cui si esibisce. Gli esclusivi e folli tribe beats elettronici della centrale elettrica provengono direttamente dal cuore degli indigeni dei continenti. Con una sorta di fusione di Rita Indiana, Massive Attack e heavy heartbeats alla Death Grips, dimostra di detestare i confini più velocemente di quanto altri possano costruirli. Guida l'impulso della musica e comunica i giusti valori con l'aiuto dell'irritazione totale.

Splendore

Splendore è un artista queer pop, producer e dj, membro dello strambo collettivo/etichetta Ivreatronic. Ivreatronic è un collettivo, label e dj set di Cosmo, Splendore, Fabio Fabio e Enea Pascal. Organizza serate clandestine e pubblica musica di artisti elettronici della zona di Ivrea e del Canaves.

Planningtorock

Planningtorock è un progetto nato a Berlino dalla mano di Jam Ronson (Gran Bretagna). Un percorso di ricerca in cui arte e vita si incrociano e si fondono, sino a diventare una cosa sola: se la scelta di affidare la propria voce all’effetto dell’autotune ha sempre rappresentato per l’artista un modo per evitare le catalogazioni di genere, nel tempo questo rifiuto di identificarsi pienamente l’ha
portata a cambiare il proprio nome di battesimo e abbracciare la propria identità non binaria. Tutte queste caratteristiche sono confluite anche nella sua arte fatta di musica, performance e pittura, affrontando con grande sincerità e con grande coraggio nuove strade: come se volesse dirci che soltanto rimettendosi in gioco ci si può avvicinare a una maggiore conoscenza di sé.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, in Friuli continuano a calare ricoveri e contagi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento