"Superare i confini amministrativi", la richiesta della Regione Fvg al Governo

Massimiliano Fedriga chiede al Governo il superamento dei confini relativamente alla demarcazione delle aree interessate dai provvedimenti per l'emergenza coronavirus

La Regione ha chiesto al Governo di prendere in considerazione il superamento dei confini amministrativi relativamente alla demarcazione delle aree interessate dai provvedimenti per l'emergenza coronavirus, tenendo conto delle diverse situazioni epidemiologiche o le diverse distanze dai focolai, all'interno di una stessa regione.

L'istanza è stata posta oggi dal governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga nel corso del collegamento in videoconferenza con il Governo, al quale ha partecipato anche il vicegovernatore con delega alla Salute e alla Protezione civile Riccardo Riccardi. Evidenziando la problematica, la Regione ha fatto l'esempio della parte di territorio del Friuli Venezia Giulia più prossima alla provincia di Treviso, che rappresenta il cluster del Veneto, in cui nelle ultime ore si sono registrati il maggior numero di casi.

Nell'occasione la Regione, ribadendo la massima collaborazione con il Governo e il Comitato scientifico, ha anche rivolto un ringraziamento agli operatori della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia e a quelli del sistema sanitario regionale per l'impegno prodotto in questo particolare momento di pressione, culminato nell'ultima settimana con la messa in atto degli adempimenti relativi all'ordinanza siglata in condivisione con il Ministero della Salute.

Un provvedimento, come ha spiegato la Regione, che è servito all'intera macchina organizzativa del Friuli Venezia Giulia per preparare le strutture ad affrontare un eventuale aggravamento del fenomeno, predisponendo tutta una serie di importanti misure, come ad esempio la separazione dei flussi nei Pronto soccorso e il piano di potenziamento dei ricoveri in terapia assistita.

I monitoraggi

Nel rispetto dell'emergenza nazionale, il Sistema sanitario regionale (Ssr) e la Protezione civile del Friuli Venezia Giulia proseguono il loro lavoro adempiendo alle direttive in vigore, tenendo alta l'attenzione e monitorando la situazione. Questo il concetto espresso oggi a Trieste dal vicegovernatore con delega alla Salute e alla Protezione civile del Friuli Venezia Giulia a margine della videoconferenza con il Governo dedicata all'emergenza coronavirus, nel corso della quale è stato annunciato dall'Esecutivo nazionale un abbassamento delle
restrizioni per il territorio regionale
.

La Regione ha spiegato che restano attive tutte le misure adottate dal Ssr e dalla Protezione civile, come il servizio emergenza 112 del Nue, il numero verde, gli interventi per i Pronto soccorso, il triage e il potenziamento delle strutture per le malattie infettive.

L'appello di coesione

Un appello a tutte le forze politiche rappresentate in Consiglio regionale affinché si realizzi una coesione il più ampia possibile, al fine di sensibilizzare il Governo a prendere quelle misure di carattere economico che le categorie produttive del Friuli Venezia Giulia chiedono allo scopo di affrontare la crisi causata dall'emergenza coronavirus. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questo il concetto espresso oggi a Trieste dal governatore del Friuli Venezia Giulia a margine della videoconferenza con il Governo, dedicata ai prossimi provvedimenti che saranno adottati per contrastare la diffusione del contagio. Come ha sottolineato la Regione, in questo momento sarebbe controproducente per il territorio fomentare attacchi strumentali e speculazioni politiche che rischiano di penalizzare fortemente una richiesta di sostegno economico che solo il Governo può garantire. Ciò anche in considerazione del fatto che l'Amministrazione regionale sta già provvedendo, al massimo delle sue possibilità, a destinare risorse e strumenti con i quali
aiutare le imprese
a superare le complicazioni generate dal clima di incertezza che stiamo attraversando.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Codroipo apre "Molo12", il ristorante di pesce di uno chef stellato

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Covid: C'è una vittima ed è boom di contagi, in Fvg oggi sono 219 i nuovi positivi

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Coronavirus: 90 nuovi casi, tre decessi, due focolai a Martignacco e Gradisca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento