rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca Cividale del Friuli

Ferrovie Udine Cividale, entro un anno i lavori sul sistema di sicurezza

Audizione, oggi, in Commissione IV, sul futuro assetto della società in house e sui servizi erogati

Ruolo della società Ferrovie Udine Cividale (Fuc), sicurezza delle infrastrutture e eventuale cessione delle stesse, sono stati i temi affrontati nel corso
dell'audizione svolta dalla IV Commissione del Consiglio regionale, presieduta da Piero Camber (FI). L'assessore regionale Graziano Pizzimenti, alla presenza dell'assessore Barbara Zilli e dell'amministratore unico di Fuc, Maurizio Ionico, ha riferito sull'attuale situazione della società in house che gestisce sia il transito passeggeri sulla tratta Udine-Cividale e il servizio transfrontaliero Micotra (Villaco-Udine-Trieste), sia alcuni servizi relativi al trasporto merci, sia, infine, l'infrastruttura ferroviaria di proprietà regionale su cui si sviluppano i servizi tra Udine e Cividale. 

Sulla società, che opera in un mercato ferroviario in un contesto normativo in continua evoluzione - ha detto Pizzimenti -, l'amministrazione regionale sta compiendo una serie di riflessioni per valutare fino a che punto e in che modo valorizzare la società e consentirle di operare con maggiore efficacia per l'attuazione delle priorità strategiche regionali.  In tale contesto si sta studiando la possibilità di avviare sinergie sia nell'ambito del futuro affidamento dei servizi ferroviari regionali (oggi sviluppati da Trenitalia), sia per quanto attiene la gestione della rete ferroviaria che, stante la crescente complessità derivante dagli ultimi provvedimenti in materia, vede in diverse situazioni regionali una presenza della società nazionale Rete ferroviaria italiana (Rfi).    

Ciò che è stato fatto dal 2016

E' stato quindi Maurizio Ionico a ricostruire, oltre agli investimenti compiuti per la sicurezza delle infrastrutture e sul materiale rotabile, il quadro normativo complesso nel quale la società opera e sulla base del quale dal 2016 la Fuc ha operato una separazione tra la gestione della rete ferroviaria e la
gestione dei servizi erogati
, dando vita a due divisioni operative, una per le funzioni svolte quale impresa ferroviaria e una per la gestione delle infrastrutture.  Un'operazione complessa che in uno scenario normativo in costante evoluzione potrebbe portare in futuro alla definitiva separazione
patrimoniale e societaria delle due divisioni. In quest'ottica e in linea con l'orientamento comune delle altre Regioni, l'Esecutivo regionale sta valutando di procedere a un trasferimento della gestione dell'infrastruttura al gestore della rete nazionale

Il dibattito

La consigliera Mariagrazia Santoro (Pd) ha chiesto quale sia la prospettiva strategica della Giunta per questo asset regionale, i consiglieri Giuseppe Sibau (Progetto FVG/Ar) e Cristian Sergo (M5S) hanno posto l'attenzione su disagi e ripercussioni avuti dai passeggeri anche in relazione al recepimento delle
indicazioni e prescrizioni dell'Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie sulla linea Udine-Cividale, Furio Honsell (Open Sinistra FVG) ha evidenziato il ruolo e il valore di questo servizio essenziale anche in termini di accessibilità per il territorio. 

I lavori

Sulle tempistiche di realizzazione del sistema di sicurezza sulla linea, che consentirà di superare le limitazioni prescritte dall'Agenzia per la Sicurezza delle Ferrovie, Maurizio Ionico ha confermato che gli interventi sono già in fase di avvio e che la conclusione degli stessi è prevista in un anno circa.  L'assessore Pizzimenti in conclusione, concordando con quanto emerso in Commissione, ha ribadito l'importanza dei servizi erogati da Ferrovie Udine Cividale, precisando che la strategia della Giunta non è quella di dismettere la proprietà, ma di valorizzare al meglio la società stessa quale struttura operativa regionale, assicurando con ciò una sempre migliore qualità dei

Honsell: "Ruolo sociale fondamentale"

"Questo è un servizio che valorizza un territorio e non va dunque gestito con parametri meramente ragionieristici", ha commentato il consigliere di Open Sinistra Fvg, Furio Honsell. "La mobilità sostenibile offerta dalla FUC - ha poi aggiunto - ha svolto un ruolo sociale fondamentale per garantire l'accessibilità sia alle Nediske Doline sia ai suoi cittadini nelle strutture disponibili in pianura, oltre a rappresentare una modalità ecosostenibile per raggiungere un sito Unesco dell'importanza di Cividale. La Giunta regionale valuti con attenzione questi elementi prima di compromettere il futuro della FUC su basi economicistiche".

Santoro: "Giunta non ha idee sul futuro di Fuc"

"Oggi la Giunta ha chiarito che la Fuc va cambiata, ma è preoccupante che non abbiano idee su come procedere per il futuro". A dirlo è la consigliera regionale del Pd, Mariagrazia Santoro a margine delle audizioni in IV commissione sulla società Ferrovie Udine Cividale (Fuc). "Abbiamo chiesto l’audizione degli assessori Zilli e Pizzimenti in commissione proprio per capire quale futuro spetta alla Ferrovia Udine-Cividale, perché all’orizzonte ci sono importanti scelte da fare che possono avere un impatto rilevante per i servizi ai cittadini e per i lavoratori della società" commenta Santoro. "Sia Pizzimenti che l’amministratore unico di Fuc ci hanno evidenziato come la situazione così com’è non è facile da portare avanti e quindi alcuni cambiamenti saranno necessari, ma non c’è ancora l’idea di cosa fare e come farlo. Gli assessori, sollecitati sulla loro visione strategica della società non hanno fornito uno scenario chiaro sul quale lavorare. Oggi abbiamo ascoltato solo le prime basi di una discussione che dovrà valutare pro e contro della cessione della gestione della sola parte infrastrutturale a Rfi o della cessione anche del servizio a Trenitalia. In mezzo ci sono diverse variabili e soluzioni mediane che possono essere adottate, ma prima di decidere servono ancora degli approfondimenti e idee chiare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ferrovie Udine Cividale, entro un anno i lavori sul sistema di sicurezza

UdineToday è in caricamento