menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le immagini delle telecamere del negozio di Tarvisio

Le immagini delle telecamere del negozio di Tarvisio

Rubano tre cappotti e quando tornano in negozio per fare il "bis" vengono riconosciuti

Due uomini sono stati fermati a Tarvisio dentro un negozio di abbigliamento dove avevano rubato giacche per un valore di quasi 2mila euro

Rubano tre giacche per un valore totale di circa 1850 euro, ma vengono ripresi dalle telecamere di videosorveglianza del negozio: qualche giorno dopo tornano nello stesso negozio per effettuare un altro furto ma il titolare li riconosce e li fa arrestare.

I fatti

I Carabinieri del Comando Compagnia di Tarvisio hanno identificato due uomini di origine bosniaca autori di un furto in un negozio di Tarvisio. Il 21 febbraio scorso, due uomini avevano rubato tre giacche a vento da donna di marca “Colmar”, del valore di oltre 600 euro l’una, ma non sono riusciti a farla franca. La refurtiva, del valore complessivo di circa 1850 euro, era stata trafugata da due uomini. Gli stessi erano stati ripresi dal circuito di videosorveglianza del negozio mentre si rendevano responsabili del furto e mentre arrivavano nel piazzale dell’esercizio commerciale con una Volkswagen Golf con targa straniera.

I militari del dipendente Nucleo Operativo e Radiomobile hanno attivato gli accertamenti del caso ed in breve hanno raccolto sufficienti elementi per l’identificazione dei due autori del furto. Giovedì scorso, il 27 febbraio, i due uomini sono tornati presso il negozio di articoli sportivi di Tarvisio, intenzionati con ogni probabilità a mettere a segno un altro fruttuoso colpo di capi d’abbigliamento sportivo. La presenza dei due è stata però immediatamente segnalata dai proprietari del negozio ai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Tarvisio che, giunti sul posto, hanno controllato e identificato i due uomini: due cittadini bosniaci, entrambi residenti in Slovenia, uno di 55 anni di Koper e uno di 70 anni, residente a Lubiana.

I due sono stati accompagnati in sede per l’ultimazione delle procedure di identificazione e per la perquisizione personale e del veicolo: è stato così rinvenuto un cappotto “Burberry” marrone, in puro cachemire, indossato da uno dei due il giorno del furto del 21 febbraio scorso. Inoltre, i due bosniaci sono risultati in possesso di una borsa in materiale plastico schermata con alluminio, una borsa a tracolla da uomo in similpelle di colore nero schermata con alluminio, una borsa per pc portatile di colore nero, anche quest’ultima schermata con alluminio e un dispositivo metallico con calamita, utilizzato per rimuovere i sistemi di antitaccheggio.

refurtiva tarvisio-2

È stato inoltre rinvenuto un coltello a serramanico con blocco della lama in apertura, marca “Stainless China”, con manico in legno e metallo, della lunghezza complessiva di cm 20 e lama di cm 8,5, che l’indagato 55enne di Koper portava nella tasca dei pantaloni. Tutto il materiale, di particolare interesse probatorio per dimostrare la loro responsabilità in ordine al furto dei capi di abbigliamento sportivo, è stato posto sotto sequestro. I due dovranno ora rispondere alla Procura della Repubblica di Udine di furto aggravato e continuato di capi di abbigliamento di particolare valore e, il più giovane dei due, di porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento