rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Beni culturali

Campana rubata alla parrocchia di via Gemona, i carabinieri la ritrovano

I militari per la Tutela del patrimonio culturale restituiscono a San Quirino di Udine un manufatto “a staffa” in bronzo, rubato da ignoti nel 1975

I Carabinieri del Nucleo Tutela del Patrimonio Culturale di Udine hanno restituito alla parrocchia di San Quirino di Udine una campana bronzea oggetto di furto messo a segno nel 1975. Il manufatto è stato sequestrato di recente nel capoluogo friulano dai militari del reparto specializzato nella prevenzione e nella repressione dei reati commessi in danno del patrimonio culturale con competenza su Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige. Il manufatto è stato riconsegnato sabato sera, nel corso della messa delle 18, al parroco, don Claudio Como, dal comandante, il capitano Alessandro Volpini, alla presenza dell’assessore alla cultura del Comune di Udine, Fabrizio Cigolot.

L’attività di recupero è stata possibile grazie a un’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Udine, alla quale hanno collaborato anche il Nucleo Tpc di Monza, le stazioni Carabinieri di Latisana e Vezza d’Oglio (Brescia). Gli accertamenti preliminari erano scaturiti dall’attività di cyber-patrolling finalizzata alla ricerca di beni culturali chiesastici illecitamente commercializzati. La campana, delle dimensioni di 17 centimetri di altezza e 16 di diametro e del peso di più di 3 chili, è stata sequestrata dai Carabinieri del Nucleo Tpc di Udine in esecuzione di un decreto di sequestro disposto dall’autorità giudiziaria a carico di un privato di origini friulane che l’aveva posta in vendita online. 

   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Campana rubata alla parrocchia di via Gemona, i carabinieri la ritrovano

UdineToday è in caricamento