rotate-mobile
Domenica, 3 Luglio 2022
gita con scasso / Moggio Udinese

Parcheggiano per fotografare la cascata, gli sfasciano l'auto per derubarli

A Moggio Udinese si contano diverse denunce per lo stesso motivo: le auto parcheggiate sotto il cavalcavia vengono spesso derubate

Una domenica assolata, una gita fuori porta e un luogo incantevole da fermarsi a fotografare: i presupposti per un piacevole pomeriggio c'erano tutti. Peccato che a rovinare la giornata a una famiglia in gita siano stati ignoti delinquenti, spaccando il finestrino della loro auto e derubandogli degli oggetti lasciati all'interno. Il fatto è accaduto ieri, domenica 22 maggio, presso la cascata Cjampeit, nei pressi dell'ex stazione ferroviaria e pista ciclabile di Moggio Udinese. Un luogo che, a detta di molti, è evidentemente preso di mira dai malviventi per compiere questo genere di furti: il cavalcavia, sotto il quale le persone parcheggiano abitualmente le loro auto, offre un punto di vista privilegiato a chi deve fare da "palo" e così bastano pochi istanti per mettere a segno il colpo. Intorno alle 15 di ieri l'ennesimo vandalismo. "Abbiamo parcheggiato sotto il cavalcavia, a meno di 100 m dalla cascata", denuncia sui social una donna, che ha già sporto denuncia ai carabinieri di Moggio e Tarvisio, che confermano l'accaduto. Avendo sentito l'antifurto, la famiglia è tornata all'auto, trovando un finestrino rotto, una gomma tagliata e accorgendosi della mancanza di uno zaino blu di media grandezza, contenente due magliette, portafogli, beauty con medicine e i documenti della donna e delle due figlie. Le segnalazioni di furti nello stesso luogo, però, sono molto frequenti. Così come denunce arrivano da altri punti scelti da turisti ed escursionisti per lasciare le loro auto. 

Un altro episodio

Tra le denunce simili, anche quella relativa a un maxi furto durante una gara podistica che si è svolta l'8 maggio scorso a Rivis al Tagliamento, frazione di Sedegliano. A quanto pare, una banda di ignoti ha approfittato dell'impegno dei e delle partecipanti alla marcia per saccheggiare diverse automobili, una ventina, parcheggiate nell'area dedicata. I danni sono stati ingenti, non solo alle auto (per rubare gli oggetti sono stati rotti finestrini e forzate portiere), ma anche rispetto alla refurtiva con diversi materiali di valore asportati, oltre che soldi e documenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parcheggiano per fotografare la cascata, gli sfasciano l'auto per derubarli

UdineToday è in caricamento