rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca

Gorizia saluta Ettore Romoli, in migliaia in chiesa e strada per lui

Folla nel capoluogo isontino per le esequie. Commosso il ricordo dell'amico e successore Rodolfo Ziberna

Sono stati in migliaia a voler salutare per l'ultima volta Ettore Romoli nella sua Gorizia stamane. Romoli, ex parlamentare ed ex sindaco della città e Presidente del Consiglio regionale, è mancato nella notte tra mercoledì e giovedì all'ospedale Santa Maria della Misericordia di Udine, dov'era ricoverato,  dopo essere stato sottoposto a due interventi chirurgici per un'infezione che lo affliggeva da tempo. Un lunghissimo applauso ha accompagnato la partenza dalla camera ardente, allestita al "Teatro Verdi" del feretro, seguito dai Gonfaloni del Consiglio regionale e della Città e dai labari di altri enti e organizzazioni e dalla folla che a piedi lo ha seguito per le vie cittadine fino alla chiesa di Sant'Ignazio.

Romoli cacciato da Forza Italia durante la malattia, la lettera dei figli

I ricordi

All'esterno dell'edificio di culto è stato sistemato un impianto audio per consentire a chiunque di seguire le esequie. Ad officiare la messa è stato l'arcivescovo del capoluogo isontino, Carlo Maria Redaelli. Tante le personalità e le autorità locali presenti, tra le quali il presidente della Regione Fvg, Massimiliano Fedriga, intervenuto sul pulpito per un ricordo. Con lui anche i vice presidenti Stefano Mazzolini e Francesco Russo, oltre a molti consiglieri e assessori regionali, sindaci, amministratori locali e parlamentari, autorità civili e militari e numerosi esponenti della politica e delle istituzioni regionali e nazionali di passate legislature. 

Ziberna

Non è voluto mancare per una parola - tra le lacrime - Rodolfo Ziberna, "erede" di Romoli in Comune e grande amico del "Leone di Gorizia", come lo ha definito il figlio Andrea

L'orazione funebre di Andrea Romoli

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gorizia saluta Ettore Romoli, in migliaia in chiesa e strada per lui

UdineToday è in caricamento