menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Friuli Doc al taglio del nastro: partita l’edizione numero 20

Honsell: "Grazie a chi ha permesso che Friuli Doc diventasse quello che è oggi, un grande momento per tutta la terra friulana", Bolzonello: "All'Expo di Milano Friuli Doc rappresenterà senza dubbio una parte importante del momento espositivo"

“Questa ventesima edizione di Friuli Doc anticipa l’Expo di Milano del 2015. Come era nelle intenzioni dei fondatori della manifestazione, infatti, anno dopo anno la rassegna diventa sempre più la vetrina delle eccellenze, una vera e propria “expo” dei prodotti regionali. Il nostro impegno è sempre andato in questa direzione, cercando di fare dei passi avanti ad ogni edizione per arricchire l’evento con una gamma di proposte più ampia e al tempo stesso più caratteristica Grazie a chi ha permesso in questi 20 anni che Friuli Doc diventasse quello che oggi è, un grande momento per tutta la terra friulana”.

Così il sindaco di Udine, Furio Honsell, ha salutato il via alla XX edizione di Friuli Doc, la grande rassegna enogastronomica regionale in programma a Udine fino a domenica 14. A scandire in una gremita piazza Libertà l’evento inaugurale, presentato dalla speaker ufficiale di Friuli Doc 2014, la giornalista Martina Riva, le note della Fanfara della Julia. E come per ogni compleanno che si rispetti, questa XX edizione non poteva non essere festeggiata anche con una torta speciale, decorata con il logo della kermesse e offerta per l’occasione ai presenti dall’Unione Cuochi.

Vera star dell’inaugurazione, comunque, il giovanissimo portiere dell’Udinese Calcio e della nazionale italiana Under 19 Simone Scuffet, scelto come testimonial di quest’anno. Al suo fianco gli ex vicesindaci che in questi 20 anni hanno rappresentato la città durante le diverse edizioni, Italo Tavoschi e Vincenzo Martines e Guglielmo Biasutti, “papà” della rassegna all’epoca del sindaco Mussato (assente per sopraggiunti impegni l’ex sindaco Enzo Barazza).

“Sono orgoglioso – ha detto la giovane promessa bianconera, riferendosi alla decisione di non accettare la proposta dell’Atletico Madrid – di aver scelto di restare qui in mezzo a questa gente straordinaria. Amo molto la cucina friulana – ha scherzato parlando della kermesse enogastronomica – e ho scoperto pian piano Friuli Doc in tutta la sua bellezza”. Un accenno anche alle condizioni della sua caviglia, visto che un infortuno lo ha costretto a fermarsi dal campionato per qualche turno. “Sto lavorando molto – ha concluso – e spero di riprendermi nel minor tempo possibile. Sto facendo molti sacrifici per scendere di nuovo e presto in campo”.

A portare i saluti alla kermesse non poteva mancare la Regione Friuli Venezia Giulia, rappresentata dal vice presidente Sergio Bolzonello. “All'Expo del prossimo anno – ha annunciato – la Regione presenterà un’ampia vetrina delle sue eccellenze vitivinicole e Friuli Doc rappresenterà senza dubbio una parte importante del momento espositivo dello stand regionale a Milano”.

A chiudere i saluti delle autorità l’assessore comunale alle Attività economiche e turistiche, Alessandro Venanzi che con emozione ha voluto ringraziare “tutte le persone che hanno accompagnato in questi anni la rassegna e che hanno lavorato perché Friuli Doc diventasse così grande e importante, così come tutti quei cittadini e cittadine che hanno fatto sì che Friuli Doc si affermasse sempre più negli anni”.

Dopo i saluti iniziali, via dunque al programma della manifestazione, che anche in questa edizione è arricchita da tanti concerti e spettacoli all’insegna della qualità, con un programma artistico che conta quasi 100 appuntamenti e circa 500 artisti coinvolti. Un programma capace di coniugare la cultura dell’ascolto, la tradizione e l'innovazione, puntando a un costante rinnovamento e miglioramento e cercando di dare spazio anche a nuove realtà.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È di nuovo zona arancione, ecco cosa succede da oggi

Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento