Cronaca Chiusaforte

Si frattura una caviglia mentre arrampica, a quota 1600 metri

Il Soccorso alpino ha messo in salvo un alpinista austriaco

Stava arrampicando a quota 1600 metri d'altitudine, nella nuova falesia attrezzata sulle pareti del Col Lopic, nel territorio di Chiusaforte, quando si è fratturato una caviglia. Si tratta di un uomo di nazionalità austriaca. E' così stato attivato il Soccorso alpino della stazione di Cave del Predil, che ha operato assieme alla Guardia di Finanza di Sella Nevea e all'elisoccorso regionale. La falesia è raggiungibile tramite il sentiero 637 da Sella Nevea. Considerata la distanza da percorrere a piedi la Sores ha provveduto a inviare l'elisoccorso. L'uomo era assieme ad una compagna di arrampicata. L'equipe medica è stata calata sul posto con una verricellata di ottanta metri e, dopo la visita del medico all'infortunato, ha provveduto ad imbarcarlo. Con una seconda rotazione l'elicottero è andato a recuperare anche la donna. Entrambi sono stati condotti a Sella Nevea, dove hanno deciso di rientrare in Austria autonomamente per recarsi in ospedale a bordo della loro auto.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si frattura una caviglia mentre arrampica, a quota 1600 metri

UdineToday è in caricamento