Nel 2015 un Forum Iulii cuore d'Europa riunito di nuovo attorno al padre Cesare

A undici secoli dall'incoronazione dell'unico imperatore friulano e nel centenario della Grande guerra che riunificò la regione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

"Ricorrendo il prossimo anno il centenario della ‘Grande guerra’ italo-austriaca 1915-1918 che riunificò politicamente la regione friulana, tuttavia riducendola a una frontiera nazionale contrastante con le sue tradizioni di crocevia e compendio del continente di vantata matrice cesariana, si segnala l'opportunità d'ordine strategico culturale ed educativo, di caricare di significati tesi al recupero e al rinnovamento della passata centralità internazionale del Friuli, eredità storica aquileiese e forogiuliese, la fioritura, che certamente non mancherà, di occasioni commemorative di quell'anniversario guerresco, affermando, cento anni dopo, l'idea rinnovata di un Forum Iulii non sentinella di una nazione, ma cuore di tutte, idea da associare possibilmente anche al ricordo degli undici secoli dell'incoronazione dell'unico imperatore friulano della storia ovvero il cividalese Berengario, che esattamente nel 915 assunse la corona europea di Carlo Magno". Il movimento civico culturale alpino-adriatico "Fogolâr Civic" e il Circolo Universitario friulano "Academie dal Friûl", sotto la presidenza del prof. Alberto Travain, scrivono al sindaco di Cividale del Friuli, rag. Stefano Balloch, e al dirigente del locale istituto scolastico comprensivo, dott.ssa Annamaria Buttazzoni, "autorità, da sempre particolarmente attente, disponibili e partecipi alle iniziative di promozione della cultura civica anche in campo scolastico ideate dai sodalizi in firma", ricercandone in particolare la collaborazione nella prospettiva di un evento di rimembranza, in accordo con il Club Unesco di Udine e la Federazione Provinciale udinese dell’istituto del Nastro Azzurro tra combattenti decorati al valor militare, da tenersi al mattino di sabato 14 marzo 2015, a ridosso delle fatidiche idi di Marzo commemorative dell'assassinio del "pater patriae" locale e regionale nel 44 a.C., "mobilitante scuole di ogni ordine e grado, presso la statua cividalese di Cesare, risemantizzata rispetto al suo originario messaggio nazionalista mussoliniano attraverso il recupero del senso storico "europeista" tradizionale della leggenda di fondazione cesariana del Friuli". Una lettura antica dell'identità friulana che oggi ritorna d'estrema attualità.

Torna su
UdineToday è in caricamento