Tarvisio: una coppia di linci liberata nella foresta

Provengono dalla catena montuosa del Giura, in Svizzera, e sono un dono dell'Ufficio Federale per l'Ambiente della Confederazione Elvetica

Una coppia di giovani linci - maschio e femmina di 4-5 anni muniti successivamente di radiocollare - provenienti dalla Svizzera è stata liberata nella Foresta di Tarvisio dopo 3 settimane di cattività, nell'ambito del progetto ULyCA - Urgent Lynx Conservation Action - attraverso il quale vengono poste in atto misure urgenti per la conservazione della lince eurasiatica nelle Alpi Sud-orientali.

Le due linci provengono dalla catena montuosa del Giura, in Svizzera, dove vivono esemplari che geneticamente sono particolarmente idonei a rinvigorire il nucleo italiano, dove si contano circa una decina di esemplari. Sono un dono dell'Ufficio Federale per l'Ambiente della Confederazione Elvetica e sono state portate nella Foresta di Tarvisio, dove inizialmente sono state collocate in un recinto di acclimatamento, al termine di una complessa operazione di cattura e trasporto.

Si tratta di un evento naturalistico di grande importanza, che segna la storia della conservazione della fauna nel nostro Paese. La lince eurasiatica, felino molto raro nelle Alpi, è una specie particolarmente protetta ai sensi della normativa nazionale. Il nucleo più corposo è in Friuli Venezia Giulia e l'area storica di appartenenza è proprio la Foresta di Tarvisio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si getta nelle acque gelide del canale per salvare il suo labrador, è la compagna di mister Gotti

  • Pagati per stare a letto 60 giorni a pochi chilometri dal Friuli, si cercano volontari

  • La scommessa di Alessandro: un'osteria nel cuore di Udine dove bere meno e meglio

  • Camminano per strada rientrando in albergo e gli arriva un secchio di urina in testa

  • Coronavirus, altri 10 casi sospetti in Fvg. L'appello della Regione, se temete il contagio chiamate il 112

  • Schianto fatale lungo la regionale 356, perde la vita un motociclista

Torna su
UdineToday è in caricamento