Fontanini contro il Governo: "Continuano a ripetere gli stessi errori"

Il primo cittadino attacca l'esecutivo dopo l'ultimo Dpcm, che mette in seria difficoltà la ristorazione

"Si poteva differenziare in Italia, lasciando ai sindaci, con il supporto delle Regioni, la scelta sugli orari di apertura e chiusura". È così che il sindaco di Udine, Pietro Fontanini, commenta le disposizioni dell'ultimo Dpcm, che penalizza in mondo particolare le attività di ristorazione.

"Il Coronavirus non colpisce infatti allo stesso modo le regioni e le città italiane – incalza il primo cittadino –. Il Governo continua a ripetere gli stessi errori fatti durante la prima ondata dell’epidemia. Decretare la chiusura dei ristoranti alle ore 18.00, vuol dire minare la redditività della maggioranza dei nostri ristoratori, che sono fondamentali alla creazione del Pil del nostro Paese".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg con il fiato sospeso per il mini-lockdown, la lista dei comuni a rischio

  • Covid: 1197 contagi in un giorno e 13 nuovi decessi, è spettro zona rossa

  • Covid e bombole d'ossigeno, l’azienda friulana: «Non riceviamo ordini da mesi»

  • Nuova ordinanza della Regione, ecco cosa non si può più fare

  • Il Friuli Venezia Giulia rischia la zona rossa

  • Schianto lungo la strada regionale: perde la vita una donna

Torna su
UdineToday è in caricamento