Fogolâr Civic e Academie dal Friûl chiedono la verifica dell'antisismicità di scuole e atenei in regione

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

"Pregiatissimi, a fronte del recente terremoto in Centro Italia, i sodalizi in firma, su sollecito del sodale Fogolâr Civic sig. Maurizio Di Fant, invitano le Signorie Loro, per quanto di rispettiva competenza, a reiterare verifica delle condizioni di effettiva antisismicità delle strutture scolastiche di ogni ordine e grado, private e pubbliche, nonché accademiche del Friuli Venezia Giulia, all'ovvio scopo d'incrementare le garanzie di sicurezza in ordine alle sedi istituzionali della formazione, rendendo anche pubbliche le risultanze ai fini di una proficua sensibilizzazione dell'opinione pubblica. In attesa di valido riscontro, nella certezza della più ampia ed oggettiva condivisione". Questo il testo della lettera, datata 31 agosto 2016, che il Movimento Civico Culturale Alpino-Adriatico "Fogolâr Civic" e il Circolo Universitario Friulano "Academie dal Friûl", in accordo con il Club Unesco di Udine, hanno inviato alla Presidenza della Regione Friuli Venezia Giulia e ai quattro Comandi provinciali dei Vigili del Fuoco di Gorizia, Pordenone, Trieste e Udine. Oltre alla firma del presidente dei due sodalizi, prof. Alberto Travain, seguono, nel documento, quelle dei collaboratori Alfredo Maria Barbagallo, Sergio Bertini, Renata Capria D'Aronco, Marisa Celotti, Milvia Cuttini, Maurizio Di Fant, Carlo Alberto Lenoci, Antonietta Menossi, Laura Paviotti, Eugenio Pidutti, Luigina Pinzano, Maria Luisa Ranzato e Mirella Valzacchi, riunitisi a Udine al Caffè Contarena per incontro specifico sull'argomento.

Torna su
UdineToday è in caricamento