rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca

Finanziamenti attività culturali: esclusa Conoscenza in Festa, dentro una radio veneta

Pubblicati sul sito della Regione Fvg i risultati dei bandi, riorganizzati dall'Assessorato di Torrenti, a sostegno di Centri o iniziative di divulgazione della cultura umanistica e scientifica

Ieri, sono stati resi noti gli ultimi reparti del fondo cultura inerenti gli incentivi annuali per iniziative progettuali riguardanti manifestazioni di divulgazione della cultura umanistica e scientifica. Qui i tre elenchi:

I soggetti beneficiari degli incentivi sono individuati tra gli enti pubblici del Fvg, le società cooperative e i soggetti privati senza finalità di lucro che ne hanno fatto domanda. Sono stati finanziati 27 progetti su 123. La classificazione per il sostegno regionale è avvenuta in base all'assegnazione di una serie di punteggi assegnati in base ad una griglia molto specifica per cui a ogni ente o associazione conveniva modulare la propria progettualità in base alle voci valutate.

Quest'anno in particolare, i punteggi sono stati tutti molto alti, ma ci sono comunque tanti esclusi, puniti dalla classificazione e dall'esiguità dello stanziamento, nonostante le proposte progettuali siano state valutate come più che valide. Fra questi troviamo "Cormonslibri - Festival del Libro e dell'Informazione" del Comune di Cormons, il "Premio nazionale di Storia contemporanea Friuli Storia" dell'Associazione Friuli Storia, "Conoscenza in Festa 2017: Nuovi Saperi, Cultura,Cittadinanza Globale" dell'Università degli Studi di Udine, le iniziative per il 25°anniversario del Centro Balducci, o "Conoscere per capire: strumenti per l'approfondimento della conoscenza dell'eccidio di Porzus" dell'Associazione Partigiani Osoppo Friuli.

Cattura-20-2Entrando nel merito, fra i progetti non finanziati per carenza di fondi ci sono enti e iniziative popolari. Allo stesso modo, fra i finanziati dei vari riparti, si possono trovare destinatari meno noti. Potrebbe destare qualche perplessità il fatto che il primo classificato fra i centri di divulgazione sia un'associazione extra regionale, la Fondazione radio Magica Onlus, con sede legale ad Abano Terme (Pd), che si è aggiudicata 25 mila euro con il progetto "#smARTradio: l'arte di divulgare nell'era dei social. 2a edizione". 

Il regolamento dell'avviso pubblico però parla chiaro, e concede questa possibilità. Dice testualmente all'articolo 4: "I soggetti beneficiari devono avere, al momento della liquidazione dell’incentivo, la propria sede legale od operativa nel Friuli Venezia Giulia". Quindi tutto in regola per questa web radio che dichiara, buon per lei, addirittura tre sedi, di cui due operative in regione. 

Viene da sé che le 96 realtà in graduatoria ma senza alcun finanziamento, saranno costrette a ripensare la propria progettualità e a rimettere in discussione se realizzare l'evento o meno. Ma siamo sicuri che la ricchezza culturale della regione Fvg esca rafforzata da questo nuovo sistema a punteggio? O sono semplicemente troppo scarse le risorse (circa 150 mila euro a graduatoria)? Certo, i finanziamenti a pioggia avevano il difetto di sottofinanziare i progetti più meritevoli, ma almeno avevano il pregio di mantenere ricca la varietà delle proposte culturali, soprattutto nella ricerca. 

Ultima nota, squisitamente politica, sui criteri di assegnazione: nelle valutazioni dei progetti venivano assegnati 10 punti in più (si veda l'ultima voce) a chi inseriva l'integrazione con i migranti. Un punteggio molto alto rispetto ad altre voci sicuramente più meritevoli come si può notare nelle tabelle dei punteggi in basso.

image-3-15

image (1)-3

image (2)-4-2


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finanziamenti attività culturali: esclusa Conoscenza in Festa, dentro una radio veneta

UdineToday è in caricamento