Coltellata letale al figlio di 19 anni: ergastolo confermato in appello

La Corte d'assise d'appello di Trieste ha confermato la sentenza di condanna emessa nei confronti di Andrei Talpis, 50enne moldavo che freddò il 19enne Ion e tentò di uccidere anche la moglie a Remanzacco

Sentenza confermata anche in appello per Andrei Talpis - 50enne muratore di origine moldava -, responsabile dell’omicidio del figlio Ion - di 19 anni - e del tentativo di uxoricidio della moglie Elisaveta.  

IL GIUDIZIO. La Corte d'Assise d'appello di Trieste ha avallato quindi l'ergastolo pronunciato poco più di un anno fa dal gup del tribunale di Udine. Il delitto si era sviluppato in un contesto di maltrattamenti ai danni della consorte, aspetto che ha peggiorato la posizione di Talpis nel procedimento. 

IL DELITTO. La tragedia si era consumata la notte del 26 novembre 2013, nell'appartamento in cui la famiglia abitava a Remanzacco. Verso le 4.30 del mattino, quando l'uomo era rientrato a casa ubriaco e aveva avuto un alterco con la moglie, il figlio era intervenuto a difesa della madre, cercando di disarmare il padre, che aveva in pungo un lungo coltello da cucina. Il ragazzo non riuscì nel suo tentativo, e venne colpito in maniera mortale

LE RICHIESTE. La conferma della condanna era stata chiesta dalla Procura generale, mentre la difesa aveva chiesto l'applicazione delle attenuanti per ridurre la pena.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • Quando si possono accendere i termosifoni: tutte le date città per città

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

  • Le migliori pasticcerie di Udine secondo TripAdvisor

  • Via Roma, si attacca alla fondina di un poliziotto e cerca di prendergli la pistola

Torna su
UdineToday è in caricamento