rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Cronaca

In oltre 10mila nei cortei per la festa del Primo Maggio nelle piazze del FVG, ma niente aria di festa

Una festa del lavoro "sottotono" e con il pensiero rivolto alla difficile situazione in Ucraina. Si è parlato poi di ripresa, PNRR e morti sul lavoro

E’ stato un primo maggio strano nelle piazze del FVG, ma in generale di tutta Italia.

Sì, perché da un lato a distanza di 3 anni si gioisce per il ritorno dei cortei nelle città, ma dall’altro gli strascichi economici lasciati dal Covid prima, e la situazione in Ucraina poi, distendono un velo di malinconia.

Nonostante le quasi diecimila persone scese in piazza tra Trieste, Cervignano del Friuli, Monfalcone e Pordenone non c’è stata la tradizionale aria di festa, quanto più la richiesta unificata di un cessate il fuoco, di restituire la parola alla diplomazia

Cinquemila i manifestanti a Trieste, tradizionalmente il corteo più affollato, 3mila a Cervignano, confluiti da tutta la provincia di Udine con il consueto accompagnamento dei trattori della Confederazione italiana agricoltori, ottocento a Monfalcone, che ha raccolto da Gradisca d’Isonzo il testimone delle celebrazioni nell’Isontino, e oltre trecento a Pordenone, con il consueto omaggio ai caduti sul lavoro in apertura di corteo.

La preoccupazione 

Se la drammaticità dello scenario internazionale rende più precaria e incerta la ripresa del dopo pandemia, le prospettive della ripresa restano strettamente legate alle scelte strategiche sulle politiche industriali legate all’utilizzo dei fondi Pnrr. A sottolinearlo anche i segretari regionali della Uil, Matteo Zorn, e della Cgil, Villiam Pezzetta. «La pandemia – dichiara Zorn – ha inciso negativamente sulla coesione sociale e aumentato le diseguaglianze. Serve quindi un nuovo modello di sviluppo, basato anche su obiettivi di sostenibilità sociale e ambientale». Pezzetta, da parte sua, rilancia sul tema del lavoro povero, «dagli appalti di servizi alle finte partite Iva, fino alle sacche di lavoro sommerso e sottopagato ancora presenti in alcuni settori come il turismo», e quello della sicurezza sul lavoro, «con una ripresa che purtroppo è coincisa, nel 2021 e anche nella prima parte del 2022, con una inaccettabile impennata di infortuni, anche gravi e mortali». Un’emergenza che rilancia i temi del rispetto delle leggi, della cultura della sicurezza e dei controlli, «che dovranno anch’essi segnare, a fianco a fisco e previdenza, il confronto tra le parti sociali e con le istituzioni, a ogni livello».

I morti sul lavoro

A parlare in piazza per il Primo Maggio di un altro tema di assoluta rilevanza è il presidente del gruppo Pd alla Camera Debora Serracchiani ricordando i tanti troppi morti sul lavoro, le donne e i giovani che quel lavoro non riescono a trovarlo, colpiti da una crisi economica profonda.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In oltre 10mila nei cortei per la festa del Primo Maggio nelle piazze del FVG, ma niente aria di festa

UdineToday è in caricamento