Neo diciottenne "bagna" la maggiore età con troppo alcool e finisce in ospedale

Durante la sua festa per i diciotto anni, una ragazza di Terzo di Aquileia e un suo amico hanno perso i sensi a causa di un abuso alcolico e sono finiti in ospedale

Sempre più casi di ragazzi che esagerano con l'alcool. Questa volta è toccato a una neo diciottenne essere soccorsa per aver abusato di sostanze alcoliche, proprio in occasione della sua festa di compleanno.

I fatti

In occasione dei suo diciotto anni, una ragazza di Terzo di Aquileia ha organizzato ieri sera una festa finita purtroppo per lei e per un suo amico al pronto soccorso. Durante la serata, infatti, sia la ragazza che un amico, residente a Grado, hanno decisamente alzato il gomito, finendo entrambi privi di sensi. I presenti hanno così allertato i soccorsi che hanno portato immediatamente la ragazza all'ospedale di Palmanova. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della stessa stazione, accertando che alla festa non fossero presenti minorenni e che, anzi, insieme alla ragazza ci fossero i genitori che l'hanno accompagnata in ospedale insieme all'ambulanza. Pare invece che il ragazzo, che nel frattempo aveva ripreso conoscenza, abbia reagito male all'accaduto rendendo necessario l'arrivo di un altro mezzo di soccorsi. 

Potrebbe interessarti

  • Come far durare la tinta per capelli più a lungo anche d'estate

  • Cucina messicana: dove andare a Udine

  • Assorifugi: i rifugi nelle montagne del Friuli

  • E' vero che le zanzare preferiscono pungere certe persone rispetto ad altre?

I più letti della settimana

  • Madre e figlia ubriache in auto non riescono a uscire, le aiutano i carabinieri

  • Gianpiero, l'operazione è conclusa e riuscita

  • Schianto mortale in Slovenia, perde la vita un 48enne friulano

  • Lite in famiglia in Carnia, aggredisce la moglie con la carta assorbente

  • Tamponamento tra mezzi pesanti in A4, morto l'autista di un'autocisterna

  • Violento temporale si abbatte sulla Bassa Friulana, maltempo in arrivo anche a Udine

Torna su
UdineToday è in caricamento