menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Federico Gigli in una delle sue avventure

Federico Gigli in una delle sue avventure

Federico Gigli, l'udinese che gira il mondo tra surf e solidarietà

Protagonista sfortunato di un incidente in mare in Nuova Zelanda, il giovane udinese gira il mondo per promuovere la sostenibilità ambientale e naturalistica

Classe 1995, laureato in Biologia a Trieste, amante della natura, surfista e impegnato nel sociale. È questo il ritratto di Francesco Gigli, lo sfortunato ragazzo di Udine protagonista dell’incidente in Nuova Zelanda,  aggredito in mare da una razza .

La storia

Ma cosa ci fa Federico dall’altra parte del mondo? Certo, la sua grande passione è il surf, ma quello che ha spinto Francesco a mettersi in viaggio è anche una grande empatia verso la natura e il sociale.

La Nuova Zelanda

Subito dopo la laurea in biologia Federico è partito per la Nuova Zelanda per fare un’esperienza. Nel frattempo, però, con suo fratello maggiore  che si trova in Namibia ha pensato a rendere le rispettive esperienze di vita qualcosa di più che un semplice viaggio.

Il progetto

Insieme ad altri giovani provenienti dal resto del mondo, è nato il progetto "Vanderful". Cinque avventurieri ed amanti della natura, hanno pensato ad un'impresa che non fosse solo affascinante per loro, ma anche estremamente utile e formativa per gli altri. Alla guida di un Volkswagen Kombi, dalla Namibia in Marocco seguendo le coste dell'Africa occidentale, questi cinque giovani hanno ideato laboratori di arte drammatica, sport acquatici e artigianato per bambini nelle aree rurali. 

L'idea

Lo scopo di questo progetto è aiutare bambini e adulti delle comunità locali che stanno affrontando una rapida ascesa del turismo costiero a costruirsi una coscienza ambienta e sociale. L'obiettivo principale di Federico e dei suoi colleghi e compagni di viaggio è quello della sostenibilità.

Gli sport acquatici

Come dimostra il piccolo incidente capitato a Federico, uno delle sue passioni più grandi sono gli sport acquatici, come il surf. La costa occidentale africana, dal suo punto di vista, troverebbe grande vantaggio dal potenziamento sostenibile di queste attività a vantaggio delle popolazioni locali.

Vanderful

Il progetto Vanderful, composto da insegnanti, animatori, surfisti e giornalisti, mira soprattutto a coinvolgere i bambini in seminari di potenziamento.I modi per aiutare Federico e i suoi compagni di avventura sono diversi, a partire dal seguirli e condividendo il loro viaggio attraverso i social media.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Chi può prenotare il vaccino? L'elenco completo delle categorie

Attualità

Tutti a vaccinarsi, mega coda in Fiera a Udine

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento