"Udine città della Poesia", il progetto di un ragazzo di via Riccardo

Il sogno di uno scrittore udinese che propone di colorare le saracinesche del centro storico con i volti dei più grandi poeti e scrittori della letteratura mondiale. Qui il video in time-lapse della realizzazione sua prima opera e l'intervista all'autore che a breve disegnerà il viso di un altro letterato

 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Tra il primo e il 2  maggio un nuovo inquilino ha preso residenza in piazza Matteotti. Si tratta niente meno che dello scrittore francese Louis-Ferdinand Céline, padre del modernismo e autore dei celebri romanzi Voyage e Viaggio al termine della notte. Il suo volto è apparso tratteggiato sulla facciata principale dell'edicola posta in piazza, sul lato sinistro della chiesa di San Giacomo. Dietro a quell'insolito dipinto, non si cela però un vero e proprio street artist, ma un giovane "riccardino", Simone Mestroni, amante della lettura e della poesia. Lo abbiamo incontrato per chiedergli qualche informazione in più su quella pittura e abbiamo scoperto che dietro a quel volto e a quei versi pennellati, si nasconde un vero e proprio progetto che a breve vedrà una seconda opera. 

Ci spieghi chi sei?

Sono un udinese di 29 anni, della periferia est di Udine, la "famosa"  via Riccardo Di Giusto e attualmente sono disoccupato.

Simone, tu sei l'autore del ritratto di Céline sulla saracinesca in piazza San Giacomo, è vero?

E' cosi. Ho voluto portare Céline a Udine, in una piazza importante del centro storico, quasi a simboleggiare la centralità che Céline merita.

Quanto ci hai impiegato? L'hai fatto semi-clandestinamente o per soldi?

Tra la prima mano e la seconda ci ho impiegato 12 ore esatte. Nessuna richiesta di denaro, dal momento che mi sono proposto io di farlo. Va detto però che a lavoro finito, l'esercente si è dimostrato soddisfatto ed economicamente riconoscente.

Ma chi ha scelto il soggetto? Tu o il commerciante? 

Ho proposto soggetti come Kafka, Oscar Wilde, Cesare Pavese, Céline... e al commerciante spettava la scelta. Quando però ho avuto "carta bianca" da parte di Rakele, l'edicolante, non ci ho pensato due volte a puntare su Céline.

Quali sono state le reazioni alla tua realizzazione?

E' stata un'esperienza molto bella dal punto di vista umano, prima ancora che artistico. Persone di ogni età, turisti (in particolare ricordo un francese molto entusiasta ed un argentino) e commercianti della zona, si sono spesi in vivaci complimenti e interesse. Anche nei giorni seguenti, con lo spargersi della voce grazie ai social, ho riscontrato un favore pressoché totale.

Quale sarà il tuo prossimo volto e dove sarà dipinto?

Vi anticipo solo che sarà un volto della poesia italiana, ma per quanto riguarda l'identità ed il luogo della prossima realizzazione, come prevedibile che sia, non vi anticipo niente (sorride).

Quindi hai un vero e proprio progetto in testa. Spiegaci bene qual è il tuo sogno.

Essendo io scrittore e, come tante persone, amante di libri, ho pensato che il centro di Udine potesse diventare una naturale galleria d'arte a cielo aperto, nella quale le saracinesche delle attività commerciali sarebbero le tele sulle quali rappresentare i volti e gli aforismi dei più grandi scrittori della storia. Questo potrebbe dare un "perché" alla nostra città, che con lo spargersi della voce di residenti e turisti, farebbe diventare Udine "la città dei poeti".

La tua speranza è di coinvolgere quanti più esercizi possibili, dunque. Proverai a coinvolgere anche la nuova giunta comunale o Confcommercio?

Se l'iniziativa troverà il favore e l'entusiasmo dei commercianti, spero di trovare anche il supporto del Comune e Confcommercio. Purtroppo, a volte, anche i sogni costano, ed essendo disoccupato non potrei continuare gratuitamente questo progetto.

Sempre scrittori e poeti nazional-popolari o ci sarà spazio anche per i nostri letterati?

Non sono un conoscitore di autori locali. L'idea resta quella di dislocare per il centro volti noti della letteratura, ma in realtà sogno, un giorno, di potermici inserire anch'io, armonizzando un bel dipinto con una delle mie opere scritte.

Ma ti consideri più un artista o più un poeta?

La mia vocazione è la scrittura; è a quella che penso tutto il giorno, tanto da gestire la mia pagina Facebook "Simone Mestroni". Per quanto riguarda il sentirsi artista vi rispondo di no, ma riconosco che ho delle qualità.
E' bene realizzare tutto quello che sappiamo essere in grado di fare, in sostanza.

Il tuo scrittore preferito?

Beh, proprio Louis Ferdinand Céline. Uno scrittore la cui verità profonda non risiedeva nei suoi odi distruttivi, ma nella ricerca di una bellezza  e di una perfezione assenti nell'umanità, il chè gli procurava uno strazio perenne.

Un'ultima cosa, ci citi un tuo verso?
In quest'epoca che a parer mio va troppo di fretta,  purtroppo anche gli amori nascenti sembrano adeguarsi. Vi lascio quindi con un verso che è anche un monito:

"Scoprirsi pian piano,
ardere i cuori
non le tappe".

Questa, se mi è concesso, la dedico  invece ad una persona che leggendo capirà:

"Non val poi mica la pena di svegliarsi e lasciare un sogno in cui io finalmente ti ho ritrovata".

Ciao Simone, in bocca al lupo!

Potrebbe Interessarti

  • VIDEO Turisti rischiano di annegare, tre ragazzi di San Giorgio li salvano

  • VIDEO: In diretta da Latisana dove si sta abbattendo una forte grandinata

  • VIDEO Grandinata a Tarvisio

  • Dai rubinetti di Villaggio Roma esce acqua bollente

Torna su
UdineToday è in caricamento