menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il corteo di sabato 23 novembre in piazza Libertà a Udine

Il corteo di sabato 23 novembre in piazza Libertà a Udine

Evade tre volte in un giorno per andare in osteria: il giudice lo libera

Luca Zaninotti, detto "Prozac", aveva preso a cinghiate l'auto dei carabinieri durante un corteo antisessista sabato 23 novembre a Udine: il giudice gli ha concesso una misura cautelare riabilitativa per poter lavorare

Aveva preso a cinghiate l'auto dei carabinieri durante il corteo antirazzista, antisessista e antifascista e per questo era stato fermato dai militari dell'Arma e condotto presso la sua abitazione per gli arresti domiciliari. Ma Luca Zaninotti, il 49enne di Mortegliano ha chiesto e ottenuto di potersi muovere - con l'obbligo di firma - per poter lavorare (gestisce una tipografia) onde evitare di ricorrere ancora all'evasione. L'uomo, infatti, nella sola giornata di domenica, ovvero il giorno successimo al fermo, è uscito di casa nonostante il divieto, per ben tre volte. Due per andare al bar e una in osteria. "Prozac", così come viene chiamato dagli amici, è stato condotto davanti al giudice per rispondere in direttissima alle accuse di danneggiamento, resistenza a pubblico ufficiale, evasione e persino furto, dato che in una delle sue uscite non consentite si era appropriato di un telefono lasciato incustodito in bar.

All'uomo, però, è stata concessa una misura cautelare tale da consentirgli di uscire da casa per lavorare: un provvedimento inteso come riabilitativo, con l'obbligo di firma alla stazione dei carabinieri, visto anche il suo netto pentimento a fronte dei reati commessi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento