Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca Via Riccardo di Giusto / Via Riccardo di Giusto

Pestato a sangue dopo essere evaso con una moto rubata

Vicenda dai contorni fumosi quella di un 37enne residente nel quartiere Aurora. Giovedì ha lasciato i domiciliari, chiamando poi la polizia dopo aver rimediato una ferita alla testa

Evade dai domiciliari - a detta sua avendo ottenuto il permesso dai carabinieri - e rimedia una ferita alla testa da parecchi punti di sutura, una denuncia per ricettazione e un arresto. Situazione confusa quella di un 37enne italiano residente nel quartiere Aurora, protagonista giovedì nella sua zona e venerdì mattina in tribunale, quando di fronte al giudice monocratico ha cercato di giustificare la sua “scappatella”. La sua situazione verrà discussa nuovamente il 22 giugno. 

I FATTI. Nel primo pomeriggio di giovedì le volanti della Questura sono chiamate a intervenire nella zona a est della città direttamente dallo stesso 37enne, che presentando la ferita alla testa racconta di essere stato aggredito in casa da un gruppo di uomini. I poliziotti trovano però delle tracce di sangue vicino a un bar del quartiere, e l’ipotesi che l’uomo fosse uscito di casa si fa concreta. La diretta conseguenza è l’arresto per evasione. Successivamente viene perquisita la casa dell’uomo, e in garage gli agenti trovano tracce di sangue anche su una moto - rubata un anno fa a Udine - usata con tutta probabilità per lo spostamento. Da lì la denuncia per ricettazione. Gli investigatori stanno lavorando per comprendere le reali cause delll’aggressione e smascherare l’autore o gli autori. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pestato a sangue dopo essere evaso con una moto rubata

UdineToday è in caricamento