Fugge dai domiciliari in macchina, beve e causa un incidente

L'evaso non avrebbe rispettato il semaforo rosso uscendo di strada dopo aver invaso la corsia opposta. Sull'auto che ha evitato l'impatto viaggiava però un ex agente in pensione

L'incrocio tra Via Montello e Viale Tricesimo

Fugge dagli arresti domiciliari, sale in macchina ubriaco e causa un incidente stradale.

E' successo nella notte tra sabato e domenica quando il giovane, Mohamed El Biyad, marocchino di 28 anni, intorno a mezzanotte è sbucato all'incrocio tra via Montello e Viale Tricesimo tentando la svolta a sinistra senza rispettare il semaforo rosso.

La dinamica

A causa dell'alta velocità il 28enne avrebbe invaso la corsia opposta dove stava sopraggiungendo un'altra automobile sulla quale però viaggiava un funzionario della polizia in pensione che è riuscito ad evitare l'impatto.

Per il Mercedes, alla cui guida si trovava l'evaso, invece, lo scontro con un muretto di cinta è stato inevitabile.

L'agente avvicinatosi per sincerarsi delle condizioni dell'uomo ha notato però che il 28enne si stava allontanando dalla vettura. Durante i successivi controlli è stata poi rinvenuta una bottiglia di Cabernet che l'uomo avrebbe bevuto probabilmente prima di mettersi alla guida.

Nel frattempo, il giovane marocchino, era già tornato a casa, ma non è servito. Gli agenti lo hanno raggiunto e ricondotto sul luogo dell'incidente dove si è rifiutato di sottoporsi all'acool test. E' stato arrestato dalla Polizia per evasione e guida in stato d'ebbrezza e condotto in carcere.

Sul posto per i rilievi la Polizia Locale di Udine.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellamento in via Scrosoppi, ferita una ragazza dopo una lite

  • Schianto mortale nella Bassa, perde la vita un 26enne

  • Quando si possono accendere i termosifoni: tutte le date città per città

  • Via Roma, si attacca alla fondina di un poliziotto e cerca di prendergli la pistola

  • Le migliori pasticcerie di Udine secondo TripAdvisor

  • Uomo a terra in viale Volontari della Libertà

Torna su
UdineToday è in caricamento