rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Cronaca Attimis

Eccidio di Porzûs, celebrato il 77esimo anniversario con un pensiero rivolto anche all'Ucraina

Durante le celebrazioni per ricordare l'eccidio di Porzûs, la senatrice Tatiana Rojic ha rivolto un pensiero anche al popolo ucraino che sta vivendo ore di drammatica tensione

“Oggi a Porzûs chiniamo ancora il capo in segno di profondo rispetto e con la promessa di costruire. Insieme. Gli uomini annientati quel giorno di quell’anno in questo luogo rappresentano una parte della nostra eredità morale”.

Lo ha detto oggi a Canebola di Faedis (Udine), in occasione del 77/mo anniversario dell’eccidio di Porzus, la senatrice Tatjana Rojc (Pd) concludendo l’allocuzione pronunciata nella chiesa parrocchiale, dopo la posa di una corona sul Monumento ai Caduti.

Tra gli altri erano presenti il presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin, i sindaci dei Comuni della zona guidati da quello di Faedis, Claudio Zani, i consiglieri regionali del Pd Cristiano Shaurli, Franco Iacop e Mariagrazia Santoro, autorità civili e militari.

La cerimonia

Dopo aver ricordato le parole di Pasolini per il fratello Guido ucciso nella strage, che chiedeva “non lacrime ma giustizia”, l’opera di don Emilio de Roja “che aveva aderito da protagonista alla Resistenza e aveva contribuito a salvare vite umane, nel suo pensiero profondamente cristiano della fede, della speranza, della carità”, la senatrice ha citato il forte pensiero del presidente Napolitano che ammonì a “non dimenticare e rimuovere le pagine buie come l’eccidio di Porzus” accanto alle “pagine luminosissime della Resistenza”.

Porzus è per se stesso un monumento – ha detto Rojc - agli uomini che hanno pagato con la vita l'anelito di giustizia e libertà, un monumento che condividiamo con tutto il Paese. Perché gli uomini annientati quel giorno di quell’anno in questo luogo rappresentano una parte della nostra eredità morale”.

“In questi giorni stanno soffiando gravi venti di guerra non lontano da noi – ha ricordato Rojc - ci sono genti terrorizzate di non avere un futuro, ci sono disperati che chiedono aiuto. L’Italia, l’Europa tutta ha il dovere di non volgere lo sguardo altrove”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eccidio di Porzûs, celebrato il 77esimo anniversario con un pensiero rivolto anche all'Ucraina

UdineToday è in caricamento