rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

E-Mobility day, verso un futuro più ecosostenibile: "Necessaria svolta culturale"

Bluenergy Group presenta i risultati dell'indagine condotta con la collaborazione dell'Università di Udine sulla mobilità elettrica

"E-Mobility day - Udine 2018" è il primo appuntamento organizzato da Bluenergy Group, in collaborazione con Renault Italia e Scame Parre, per parlare di mobilità elettrica e fare il punto della situazione in regione.

Le dichiarazioni

"Contiamo che entro il 2021 ci saranno a disposizione 640 veicoli elettrici con car sharing per le istituzioni – dichiara Fabio Scoccimarro, assessore all'ambiente ed energia della regione Fvg –, oltre a 600 colonnine per ricaricare le macchine elettriche in tutta la regione, non solo nei grandi comuni, ma anche nelle comunità regionali turistiche più piccole". Per l'assessore è necessaria quindi "una svolta culturale in regione, e c'è bisogno di incentivare l'utilizzo di auto elettriche". Per quanto riguarda i fondi disposti dalla regione per i privati, "abbiamo pensato a 5mila di incentivo per l'acquisto di macchine elettriche, incentivo esteso anche alle autovetture a chilometro zero, per un totale di fondi pari a due milioni di euro per quest'anno. L'auspicio è comunque quello di aumentare queste risorse". Quelle delle vetture elettriche è "un tema particolarmente importante da guardare con attenzione, soprattutto per le future generazioni – commenta Maurizio Franz, assessore alle attività produttive, turismo e grandi eventi del comune di Udine, – e importante è anche la sinergia che si crea tra le amministrazioni pubbliche e i privati, anche per incentivare e sensibilizzare all'acquisto di macchine elettriche. Il comune inoltre sta creando piani di investimento per le postazioni di ricarica per auto elettriche, oltre ad aver già istituito parcheggi gratis per vetture elettriche e ibride".

E-Mobility Day 2018

L'indagine

All'indagine sulla mobilità elettrica, condotta dal professor Salvatore Amaduzzi (responsabile mobilità sostenibile dell'Università di Udine), hanno risposto 900 utenti tra studenti, docenti, ricercatori, personale tecnico e amministrativo dell'università udinese provenienti da tutta Italia. I risultati rivelano che il 48 per cento degli studenti e il 45 per cento del personale tecnico amministrativo considerano l'auto elettrica più affidabile delle auto tradizionali e che più della metà dei rispondenti ha pensato almeno una volta di passare all'auto elettrica. Tra i fattori che maggiormente frenano la diffusione di auto elettriche vi sono la scarsa presenza di infrastrutture di ricarica, il costo elevato per l'acquisto di vetture elettriche e la limitata autonomia delle batterie dei veicoli. Infine, più dell'80 per cento degli intervistati ritiene che la pubblica amministrazione dovrebbe investire in una rete di infrastrutture di ricarica e car sharing elettrico.

Bluenergy

“La mobilità sostenibile ha detto Alberta Gervasio, Amministratore Delegato di Bluenergy Group – è un ambito di sviluppo di grande interesse per Bluenergy, come testimonia questo appuntamento nel quale abbiamo voluto ospitare voci autorevoli del settore della e-mobility per tracciare una panoramica degli sviluppi di questo ambito a livello nazionale e territoriale. Le multiutility possono assumere un ruolo di rilievo nello sviluppo di questo segmento di mercato, diventando dei veri e propri hub capaci di mettere a disposizione dell’utente un servizio chiavi in mano che va dalla fornitura dell’energia all’acquisto del veicolo. Grazie al nostro radicamento territoriale, alle competenze maturate attraverso le nostre divisioni tecniche e la collaborazione con player di rilievo del settore, ci candidiamo a diffondere l’e-mobility, che riteniamo essere non solo un fondamentale driver di crescita, ma anche un atto di responsabilità verso le future generazioni promuovendo sistemi di mobilità che devono virare sempre di più nell’ottica della sostenibilità e delle zero emissioni.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E-Mobility day, verso un futuro più ecosostenibile: "Necessaria svolta culturale"

UdineToday è in caricamento