Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca Centro Studi

Due giovani friulani tra i migliori giovani scienziati europei

Sofia Onorato e Daniel Copil hanno vinto un riconoscimento per il loro progetto "Antimicrobici naturali estratti dalle piante medicinali"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di UdineToday

Il 19 settembre a Bruxelles la Commissione europea ha assegnato i premi EUCYS European Union Contest for Young Scientists: tra questi un Apple MacBook Air ottenuto da Sofia Onorato e Daniel Copil per il loro progetto "Antimicrobici naturali estratti dalle piante medicinali", risultato il migliore nel campo dell'agro-alimentare. Ottimo per i due giovani studenti dell'I.S.I.S. A. Malignani di Udine, chiamati a rappresentare l'Italia al prestigioso concorso! Specie considerando che nella scorsa edizione del concorso l'Italia non era riuscita a salire sul podio. Brevettato con il nome Aersanitise, il lavoro dei due scienziati in erba potrebbe avere applicazioni in campo farmacologico, alimentare, medico e ambientale.

"Antimicrobici naturali estratti dalle piante medicinali", questo il titolo del progetto messo a punto nei laboratori della scuola e brevettato con il nome Aersanitise: una scoperta potrebbe avere applicazioni in campo farmacologico, alimentare e medico mentre in quello ambientale sarebbe possibile sfruttare i principi attivi naturali, non tossici, per sanificare l'aria di ambienti quali piscine, terme, ospedali.

Carlos Moedas, commissario europeo per la Ricerca, la Scienza e l'Innovazione, ha dichiarato: « É rassicurante vedere che l'Europa ha tante giovani e brillanti menti che hanno anche la determinazione e la capacità di trasformare i loro sogni in realtà.».

Il numero dei partecipanti è cresciuto notevolmente dall'anno della fondazione del concorso nel 1989 ma soprattutto è cresciuta la partecipazione femminile, anche grazie alla nostra Sofia Onorato.

Afferma la prof.ssa Eliana Ginevra, mentore di Daniel e Sofia: «Motivazione, competenza e attività sul campo: si parte da qui per costruire un percorso di studio e di esperienza cucito sulla curiosità e la capacità degli studenti. I concorsi permettono di confrontare preparazione e cultura con quella di altri. La nostra forza risiede nel fatto che al Malignani partiamo dall'idea e arriviamo al prototipo, testando quindi l'intero processo scientifico. Ecco da dove nascono i progetti presentati quest'anno e tutti quelli che, nei precedenti tre lustri hanno condotto gli studenti del Malignani in Europa e nel mondo.».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due giovani friulani tra i migliori giovani scienziati europei

UdineToday è in caricamento