La storia dell'udinese che si è inventato un lavoro grazie al suo "Friuli spettacolare"

 

La Drone Reportage, la società del "dronista" per eccellenza, l'udinese Fabio Pappalettera, festeggia tre anni. Un compleanno che non poteva essere festeggiato, ovviamente, se non con uno showreel di quanto di meglio Fabio ha realizzato fino ad oggi. All'interno troviamo immagini di Udine, del suo Friuli, della sua regione e di altri luoghi incantevoli dell'Italia (Positano in Costiera Amalfitana la sua location preferita) che per lavoro ha visitato e impresso nelle memorie dei suoi hard disk. Un vero e proprio "the best of" da togliere il fiato per ritmo, suggestione e qualità.

C'era una volta

Era il 20 ottobre del 2014 quando la nostra testata pubblicò l'articolo con il suo primo video "Un drone sul Friuli Venezia Giulia, il video che incanta il web". Fu un articolo che fece letteralmente impazzire il web, forse il vero e primo articolo virale mai proposto da UdineToday. In poche settimane raggiunse oltre 112 mila visualizzazioni, dimostrando come la proposta e l'idea di Pappalettera (raccontare un territorio esclusivamente con le immagini dall'alto) fosse apprezzata dal pubblico. Quel giovane, di lì a poco, decise quindi di lasciare l'albergo di famiglia, dedicandosi esclusivamente a quella nuova e inesplorata attività, il mondo dei video e delle immagini aeree. Nel 2014 lavorare esclusivamente con i droni era una cosa impensabile per il settore delle produzioni video, ma Fabio ci ha creduto, ha persistito, ha investito e ora non vive d'altro. In pochi mesi da quel suo primo lavoro fatto per gioco e amore per la sua terra, iniziarono ad arrivare le prime commissioni, pubbliche e private, e il suo nome iniziò a diventare mano a mano un "marchio di fabbrica" e garanzia di qualità.  

L'inizio di un'avventura

Nei giorni successivi all'assist - diciamo così - fornito dal nostro sito, Pappalettera fondò dunque la sua Drone Reportage e continuò la formazione per acquisire tutti i patentini necessari per lavorare in proprio. Poco dopo iniziarono a bussargli la porta Turismo Fvg (per il quale realizzò "Amazing Fvg", primo classificato come post dedicato al turismo in Italia per interazioni su Facebook -, guarda immagine in allegato), aziende e altre grandi od emergenti case di produzione video. Un turbinio di piccoli lavori che piano piano gli hanno permesso di lavorare continuativamente "no-stop" e di stringere intorno a sé, semplice libero professionista, un'ottima rete di collaboratori e collaborazioni.

Con i piedi per terra ma la testa fra le nuvole

Uno dei suoi ultimi lavori è stato per la produzione "Mariateresa Illuminata Sovrana Europea", documentario presentato da poco al palazzo Revoltella a Trieste e mandato in onda per ben tre volte su Rai 3 Bis durante questo ultimo periodo natalizio. Ma le immagini catturate da Pappalettera negli ultimi anni sono finite su LineaBianca, Easydriver, 4Ristoranti in Rai, Sky e su altre emittenti televisive locali, nazionali e straniere. Fra le soddisfazioni ricevute anche qualche riconoscimento nel settore: ha vinto il primo premio al Milano Montagna Festival 2016 con Dolomites Instinct (Xtreme Days Festival) ed è arrivato fra i finalisti al concorso internazionale Peugeot Drone Film Festival. Diverse le testate giornalistiche e le trasmissioni dell'etere che hanno raccontato la sua crescita professionale. E' stato ospite, inoltre, a diverse tavole rotonde del mondo dell'audiovisivo, come ad esempio al 3D forum di Udine, evento al quale ha partecipato insieme ai suoi più stretti collaboratori, Alberto Youssef e Fabio Tabacchi. "Da quel vostro famoso articolo non ho mai smesso di lavorare - ci confessa un po' imbarazzato Pappalettera, classe 1983 -. Ma anche se spesso, per lavoro, ho la testa fra le nuvole, resto sempre un ragazzo con i piedi per terra".

Nota dell'autore: Fabio è anche un galantuomo, oltre che un amico. Per onestà intellettuale, sottolineo con piacere come abbia aiutato il sottoscritto nella realizzazione del videoclip  "Il Tempio del ricordo"  di Barbara Sabbadini, colonna sonora del sisma del 1976 composta in occasione del quarantennale del Terremoto in Friuli.  

Compendio degli articoli che riguardano i suoi lavori

"Borderline", equilibrismo a piedi nudi sulle Alpi Giulie a 2050 metri

Pappalettera fra i finalisti del Film Festival dedicato ai droni

La magia della Val Zemola e delle Dolomiti Friulane.

Scendendo in bici dal monte Malvuerich: le riprese con il drone

La cicogna bianca di Fagagna come non l'avete mai vista.

Terremoto, la voce dell'Orcolat del 1976 raccontata in un videoclip 

"Amazing Friuli Venezia Giulia", il nuovo video di Pappalettera emoziona il mondo

"Friuli spettacolare!", il video sul FVG che incanta il web 

Un drone sul Friuli Venezia Giulia, il video che incanta il web

Potrebbe Interessarti

Torna su
UdineToday è in caricamento