Dai boschi collinari alla stazione, sequestrata droga per 200mila euro

L'operazione della Guardia di Finanza ha permesso di mettere in ginocchio un nucleo di persone che trafficavano marijuana, cocaina ed eroina. Usavano come nascondiglio la zona di Magnano in Riviera

I boschi della zona di Magnano in Riviera

Sequestro di stupefacenti per 200mila euro, otto persone arrestate. Sono questi i risultati dell'operazione "Arachosia" (dalla regione asiatica di provenienza di buona parte dei trafficanti scoperti), messa in opera dalla Guardia di Finanza di Udine sotto la direzione del sostituto procuratore Giorgio Milillo.

L'origine

È stato smantellato un importante canale di rifornimento dello spaccio di stupefacenti in zona Borgo Stazione, organizzato da un gruppo di richiedenti asilo e da una friulana, in grado di procurare, in qualunque ora del giorno e della notte, quantitativi, anche ingenti, di stupefacenti di ogni tipo. A dare il via alle indagini era stato l’arresto, lo scorso settembre, nell’area della stazione ferroviaria di Udine, di due giovani austriaci, trovati dai finanzieri del Comando provinciale in possesso di oltre mezzo chilo di marijuana, comprata ad un prezzo molto più vantaggioso di quello normalmente applicato in Carinzia.

Spaccio in stazione: il video denuncia

Le indagini

Lo sviluppo dei contatti dei due acquirenti, integrato da una serie di osservazioni nel triangolo tra piazzale Cella, piazzale D’Annunzio e piazzale della Repubblica, ha permesso alle Fiamme Gialle di individuare in un ristretto gruppo di richiedenti asilo, originari di Afghanistan e Pakistan, il centro direzionale dell’attività di spaccio, strutturato su rigide gerarchie e su comunicazioni accorte, stringate e, soprattutto, codificate.

Arresti

Nel mese di novembre è stato così arrestato, anche per resistenza e violenza a pubblico ufficiale, un primo soggetto, cittadino afghano di 25 anni, trovato in possesso di 195 grammi di hashish.  È poi, seguito l’arresto in flagranza di altri due componenti del gruppo, trovati in possesso di 310 grammi di cocaina. Infine, sono stati bloccati il “capo” del gruppo, un altro afghano di 26 anni, e la sua compagna italiana, fermati a bordo della loro auto con mezzo chilo di hashish. 

I nascondigli

Il risultato più considerevole è stato quello di avere trovato tutti i nascondigli della droga, occultata in diverse aree boschive fra i comuni di Udine e Magnano in Riviera, con lo scopo di limitare i danni nel caso in cui le forze dell’ordine ne avessero individuato uno.
Grazie alla ricostruzione dei percorsi degli indagati, alla lettura delle tracce lasciate nel bosco e all’ausilio delle unità cinofile antidroga, i militari hanno trovato, interrati nella boscaglia in due differenti siti, 9 chilogrammi di marijuana, 9 chilogrammi di hashish e 390 grammi di cocaina.

I numeri

Sono quindi, complessivamente, oltre venti i chili di droga sequestrati dalle Fiamme gialle: 9,8 chili di marijuana, 9,6 di hashish e 700 grammi di cocaina, per un valore stimato di 60mila, 90mila e 70mila euro.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dà fuoco al marito cospargendolo di benzina, è madre di due ragazzi udinesi

  • Delitto Orlando, Mazzega si è suicidato

  • Schianto mortale sulla Ferrata, perde la vita a soli 22 anni

  • Cade dallo slittino, batte la testa e muore in ospedale a 19 anni

  • Terrore in pasticceria, i clienti si nascondono in bagno

  • Lorenzo, una vita spezzata a soli 22 anni

Torna su
UdineToday è in caricamento