Operazione Magnolia, l'ultimo pusher si nascondeva alla ex caserma Piave

In manette un 23enne afgano. L'operazione è stata messa a segno dagli uomini della Questura

Si è chiusa con l’arresto di N. K., 23 anni, di nazionalità afghana, la maxi-operazione antidroga "Magnolia" coordinata dalla Procura della Repubblica e portata avanti dalla Squadra mobile della Questura di Udine. L’arresto è avvenuto nel pomeriggio del 30 aprile all’interno dell’ex caserma Piave dove l’uomo aveva trovato rifugio. Il ventitreenne afghano, considerato uno tra gli spacciatori più attivi tra quelli fermati, è finito quindi in manette. Durante l’operazione era stato sorpreso dal personale della polizia mentre vendeva eroina, cocaina e hashish in via Roma. 

Potrebbe interessarti

  • Come far durare la tinta per capelli più a lungo anche d'estate

  • Post-sbornia: i rimedi per stare meglio dopo una bevuta

  • I sintomi, i rimedi e le cure per il morso del ragno violino

  • Quanto bisogna aspettare prima di fare il bagno?

I più letti della settimana

  • Madre e figlia ubriache in auto non riescono a uscire, le aiutano i carabinieri

  • Schianto mortale in Slovenia, perde la vita un 48enne friulano

  • Gianpiero, l'operazione è conclusa e riuscita

  • Scompare da casa e tenta il suicidio, i poliziotti la salvano per miracolo

  • Tamponamento tra mezzi pesanti in A4, morto l'autista di un'autocisterna

  • Violento temporale si abbatte sulla Bassa Friulana, maltempo in arrivo anche a Udine

Torna su
UdineToday è in caricamento