rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Cronaca

Da Andos a Andos: l'associazione udinese ha donato uno strumento per la riabilitazione alla sezione di Spilimbergo

Il macchinario per la pressoterapia, donato dall'Andos di Udine all'omonima associazione di Spilimbergo, aiuterà la riabilitazione dei pazienti chirurgici colpiti da linfedema

All'Andos di Spilimbergo arriva un nuovo strumento riabilitativo: una possibilità in più per aiutare le persone operate al seno. L'Andos-Associazione Donne Operate al Seno di Spilimbergo potrà, infatti, contare su un nuovo strumento riabilitativo grazie alla collaborazione
con la sezione udinese della stessa associazione, che ha donato un apparecchio per la pressoterapia del braccio; il macchinario è utile in caso di linfedema, cioè il ristagno di liquidi che colpisce i pazienti chirurgici e, frequentemente, le persone che hanno subito un intervento alla mammella.

Il dono

La consegna è avvenuta stamattina, sabato 18 luglio alle 11, nella sede dell'associazione spilimberghese, alla presenza del presidente Bruno Paliaga e della collega dell'Andos Udine, Mariangela Fantin. La nuova strumentazione aiuta il circolo linfatico e il deflusso dei liquidi che spesso si accumulano negli arti superiori di chi ha subito l’asportazione dei linfonodi, come molte donne operate di tumore al seno. In questi casi, il drenaggio linfatico riduce il gonfiore, attenua il dolore e aiuta a recuperare la funzionalità dell’arto compromesso.

L'associazione

L’Andos di Udine, cui ogni anno si rivolgono più di un centinaio di donne, opera, infatti, da oltre 30 anni a fianco delle persone colpite da neoplasia mammaria, attraverso diverse iniziative: dal supporto psicologico, ai consigli nutrizionali e alla consulenza chirurgica e legale, dall’organizzazione di eventi di informazione e sensibilizzazione, al dono della parrucche per le donne operate al seno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Andos a Andos: l'associazione udinese ha donato uno strumento per la riabilitazione alla sezione di Spilimbergo

UdineToday è in caricamento