menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La zona dove si è verificata la lite

La zona dove si è verificata la lite

Donna colpisce al volto un uomo e lo ferisce gravemente

L'episodio si è verificato in seguito a una lite i cui contorni sono ancora poco chiari. Teatro della vicenda la zona di Borgo Stazione. Sul caso indagano gli uomini della polizia

Episodio violento nella notte tra mercoledì e giovedì  in via Leopardi, zona Borgo Stazione, all'esterno di un bar nei pressi della stazione delle corriere: un uomo èstato colpito al volto con un bicchiere da una donna, ed è rimasto ferito in modo gravissimo. I medici del pronto soccorso cittadino hanno rilevato un’ampia lesione allo zigomo destro, formulando una prognosi di un mese per via dei danni ai muscoli e ai nervi.

La dinamica del fatto non è chiara. I protagonisti sono due sudanesi di 28 e 31 anni (il ferito) e due bulgari, un uomo di 45 anni e una donna di 37 (la responsabile dell'aggressione).

Verso l’una di notte i due africani si sono seduti ai tavolini di un bar in viale Leopardi. Dopo aver bevuto qualcosa sono entrati nella vicina sala giochi, dove si sarebbero intrattenuti fino alle 3. Successivamente sono usciti, e in quel momento si sarebbe avvicinata loro la donna (che si trovava sempre nella sala giochi, ma che loro hanno dichiarato di non conoscere) urlando. Prima, assieme al connazionale, avrebbe tentato di colpirli con un casco, poi il colpo col bicchiere.

Dopo l'aggressione i due bulgari se la sono data a gamba. E' stato così chiamato il 113, che ha ritrovato successivamente i due in viale Europa Unita. Entrambi sono stati multati per ubriachezza, mentre la donna è stata segnalata alla Procura delle Repubblica per l’ipotesi di reato di lesioni gravissime.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, 12 i decessi, calano i ricoveri e le terapie intensive

Attualità

Covid, oggi in regione 336 positivi e 29 vittime

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento