rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca Cividale del Friuli

Invocato il divieto di giocare a pallone in due città Unesco del Friuli

Se ne discute a Cividale e a Palmanova. Nella città ducale sta per essere firmata un'ordinanza per sanzionare i trasgressori. A fargli eco il capogruppo dell'opposizione palmarina, Antonio Di Piazza, che invoca più controlli nelle zone sensibili

Niente più palloni nei centri storici o in alcune zone delle città Unesco. A invocare una misura restrittiva sono il sindaco della città ducale, Stefano Balloch, e il capogruppo dell'opposizione palmarina, Antonio Di Piazza. Certo, chi esagera e rischia di far danni deve essere fermato dagli stessi genitori, ma a chi non è mai capitato di vedere ragazzi o bambini muniti di Tango e Supertele improvvisare qualche partitella tra amici nelle piazze dei centri storici d'Italia, tra qualche chiesa o monumento. Il fenomeno, molto frequente ad altre latitudini della Penisola, ora potrebbe trovare un sonoro divieto a Cividale del Friuli e Palmanova.

Cividale

Nella cittadina longobarda è lo stesso sindaco Stefano Balloch a voler porre fine alla mancanza di rispetto di questi cittadini. Come anticipato dal Messaggero Veneto un'ordinanza sta per essere firmata per tutelare i residenti, i clienti e gli esercenti dei bar presenti in piazza Paolo Diacono. Molti giovani hanno preso infatti l'abitudine di giocare con veri e propri palloni di cuoio, mettendo a rischio l'integrità di vetrate, porte ed edifici e alimentando con grida e urla un continuo vociare che di certo non aggrada chi vorrebbe trascorrere ore liete nella più bella piazza di Cividale, passeggiando o stando seduti ad un tavolino.

Palmanova

La proposta di Balloch ha trovato poi la sponda anche nella città stellata incastonata nella Bassa friulana. Il capogruppo della minoranza palmarina, Antonio di Piazza, ha chiesto più controlli nei luoghi che ospitano monumenti storici visto che diverse volte più ragazzini sono stati visti giocare all'interno della Loggia dei Mercanti di Piazza Grande che ospita il Monumento ai Caduti. Una volta erano presenti delle catene a delimitare l'area. Il consigliere propone dunque di collocare dei segnali che facciano comprendere il rispetto che bisogna riservare a quello spazio o che vietino espressamente di giocare a calcio o correre in bicicletta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Invocato il divieto di giocare a pallone in due città Unesco del Friuli

UdineToday è in caricamento