menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La manifestazione a Cervignano (Twitter Isabella De Monte)

La manifestazione a Cervignano (Twitter Isabella De Monte)

Primo maggio, in 10 mila nelle piazze del Friuli Venezia Giulia

Lavoro, accoglienza e solidarietà gli argomenti portanti della giornata di festa organizzata dalle tre principali unioni sindacali anche nella nostra regione

Politiche attive del lavoro per rilanciare l’occupazione a fronte dei 23 mila posti di lavoro persi rispetto ai valori pre-crisi. Solidarietà e accoglienza per gestire l’emergenza profughi.

Il tema del lavoro, da sempre al centro delle manifestazioni del Primo Maggio in Regione, che hanno portato in piazza oltre 10 mila persone, si sono fusi con la grande sfida dell’accoglienza e delle politiche per l’immigrazione, in piena sintonia con la scelta dei segretari generali di Cgil, Cisl e Uil di celebrare la Festa del lavoro nel centro di accoglienza di Pozzallo, in Sicilia.

I SEGRETARI REGIONALI.

«I dati Istat ci dicono che la disoccupazione, a dispetto degli annunci, torna a scendere ai minimi storici. Nella consapevolezza che dalla crisi non si esce con la scorciatoia del taglio dei diritti: un concetto che il sindacato ribadisce con forza anche a nome dei tanti, troppi lavoratori della distribuzione costretti a lavorare, immolati sull’altare del consumismo, della deregulation degli orari e della pianificazione». Questo il messaggio di Franco Belci in una giornata nella quale, sottolinea ancora il segretario della Cgil, «dalle piazze del Fvg, come nel resto del Paese, il mondo del lavoro lancia un appello forte alla solidarietà nei confronti dei profughi, un’emergenza umanitaria che non può e non deve lasciare indifferente la nostra comunità regionale».

«Va creato un nuovo e più forte sistema globale di regole per garantire a tutti una vita dignitosa fatta di lavoro e speranza nel futuro – ribadisce il segretario della Cisl Giovanni Fania -. E’ una responsabilità di tutti quella di abbattere, per esempio, le odiose e diffuse pratiche del dumping sociale, quel mercato che si arricchisce con lo sfruttamento. E non parliamo solo dei Paesi più poveri. Anche in casa nostra abbiamo quotidianamente a che fare con chi spaccia per lavoro forme contrattuali subdole, approfittando della disperazione di chi ha una famiglia da mantenere o dei giovani; con chi disconosce meriti e competenze; con le discriminazioni anche tra uomini e donne a parità di mansioni svolte. Abbiamo a che fare con corruzione e infiltrazioni criminali, con le delocalizzazioni che la spuntano sul costo del lavoro, con le folli logiche del massimo ribasso che mortificano la leale concorrenza e fanno crollare, a pochi giorni dall’inaugurazione, viadotti, strade e scuole. Serve una nuova e penetrante cultura globale del lavoro, oggi sacrificata dalla speculazione e dal guadagno facile».

La grande partecipazione unitaria in tutte le piazze del Fvg «lancia – per il segretario della Uil Giacinto Menis – lancia un segnale forte a Governo nazionale e Unione Europea per adottare politiche coordinate, capaci di affrontare l’emergenza profughi e contrastare l’azione dei trafficanti di uomini». In un Primo Maggio, continua Menis «dedicato alle tante situazioni di crisi presenti in regione e alla forte preoccupazione per la crescita della disoccupazione su base nazionale, in controtendenza con gli andamenti europei. Ciò dimostra, come ha sempre sostenuto la Uil, che l’occupazione non si crea per legge, ma con politiche industriali che puntino sugli investimenti produttivi, in infrastrutture, innovazione e ricerca, accompagnate da politiche capaci di far crescere la domanda interna, aumentando il potere di acquisto dei lavoratori e dei pensionati, attraverso lo sblocco della contrattazione collettiva del pubblico impiego, la detassazione di salari e pensioni, e l’estensione del bonus di 80 euro».

I tradizionali cortei, oltre a Trieste e Gradisca, non sono mancati neppure a Cervignano del Friuli, chiuso con l’intervento di Iris Morassi della Cisl, e a Pordenone, con la chiosa dal palco della segretaria provinciale Cgil Giuliana Pigozzo, che hanno fatto registrate rispettivamente circa 3 mila e un migliaio di manifestanti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento