rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca Bagnaria Arsa

Lavori per 142 mila euro per il rinnovamento del depuratore di Sevegliano

Nel nuovo impianto incrementata la capacità e abbattuti i composti azotati

Completamente rinnovato e rispondente alle direttive europee: i lavori di restyling sul depuratore di Sevegliano, in Comune di Bagnaria Arsa, recentemente ultimati, consegnano alla popolazione un impianto ultra-moderno, efficiente e incrementato nella sua capacità depurativa salita da 1500 AE (abitante equivalente, o carico organico specifico) a 2 mila 300 AE. Le operazioni hanno consentito di ottenere un efficientamento funzionale ed energetico del vetusto depuratore a servizio dell’abitato di Bagnaria Arsa e Palmanova.Soddisfazione è stata espressa nell'incontro fra Cafc, il cui servizio di 'engineering' ha progettato, sviluppato e interamente seguito i lavori, e il sindaco di Bagnaria Arsa, Cristiano Tiussi.

L'ammontare dei lavori, iniziati a marzo dell'anno scorso, è pari a 142 mila euro.  L'impianto, che serve gli abitanti di Bagnaria e di Palmanova, è stato trasformato in un depuratore conforme a quanto prescritto dalla Comunità europea, con tanto di dotazione della sezione terziaria finalizzata all'abbattimento dei composti dell'azoto. Nelle operazioni di rifacimento è stata creata una stazione di grigliatura fine e raccolta del materiale in arrivo dalla fognatura, oltre ad essere stato  potenziato il comparto ossidativo con contestuale creazione di un bacino anaerobico per il trattamento dell’intero ciclo dei composti azotati. Anche il comparto di sedimentazione finale è stato rafforzato tramite l’installazione di una filtrazione a tela; inoltre il rifacimento dell’intero impianto elettrico finalizzato all’automazione e controllo del nuovo impianto che - grazie all’installazione del sistema di supervisione con controllo remoto da piattaforma Scada - consente la gestione ed il monitoraggio dell’impianto direttamente dal centro di telecontrollo di Cafc. Questi interventi di ammodernamento hanno permesso la dismissione del depuratore di Palmada in Comune di Palmanova.

Il Presidente Cafc, Eddi Gomboso, sottolinea come, ancora una volta, “la sinergia ambientale sul territorio rappresenti la carta vincente per migliorare gli impianti e ottimizzare il funzionamento strutturale a vantaggio della popolazione”. In virtù dell'aumentata capacità depurativa, si garantisce un'elevata qualità dell’effluente finale afferente alla Roggia Franca nell’assoluto rispetto dei limiti imposti dalla normativa vigente. “Le scelte progettuali adottate, orientate alla razionalizzazione dei flussi idraulici, alla riqualificazione dei manufatti esistenti ed all’impiego di apparecchiature elettromeccaniche altamente performanti – conclude il Presidente -  sposano le più moderne linee guida per l’adeguamento dei depuratori”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori per 142 mila euro per il rinnovamento del depuratore di Sevegliano

UdineToday è in caricamento