Si agganciavano a linee telefoniche vecchie per truffare gli anziani: denunciati in quattro

Ignoti truffatori si fingevano carabinieri per estorcere denaro a ignari anziani

Truffavano anziani in Carnia agganciandosi alle linee telefoniche e fingendosi carabinieri: denunciati in quattro.

I fatti

I militari della Stazione di Tolmezzo hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Udine quattro persone, tre italiani e uno straniero, dediti alle truffe agli anziani. Le indagini sono scaturite da una denuncia per truffa sporta da una novantenne tolmezzina, che nel mese di novembre 2019 era stata contatta telefonicamente, sull’utenza di casa, da due ignoti qualificatisi come avvocato e maresciallo dei Carabinieri. I due truffatori hanno raggirato la signora facendole credere che il figlio era stato coinvolto in un sinistro stradale e bisognava pagare una cauzione di circa diecimila euro per poterlo rilasciare. Dopo essersi accordati sull’importo da versare, attesa l’indisponibilità della signora della somma richiesta, si presentava a casa un terzo soggetto incaricato del ritiro del contante, per un importo complessivo di millecinquecento euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'indagine

L’attività svolta ha permesso di appurare che il gruppo agiva sempre con lo stesso modus operandi, ricercando numeri di telefono intestati a persone anziane che, atteso il tipo di numerazione, risultavano utenze ormai vecchie. Questi numeri telefonici permettono di mantenere la linea collegata anche se uno dei due interlocutori riaggancia il telefono. In questa maniera i truffatori, dopo aver contattato le ignare vittime, mantenevano la linea aperta in modo tale che se la vittima successivamente tentava di contattare il parente o avvisare il 112 rispondevano nuovamente loro, rendendo ancora più convincente quanto falsamente rappresentato nel primo colloquio telefonico. Carpita, quindi, la buona fede delle vittime, un terzo soggetto si presentava a casa e, senza alcuna ulteriore spiegazione, ritirava il denaro, allontanandosi subito dopo senza lasciare traccia.
L’attività è stata resa ancora più difficile dal fatto che il gruppo utilizzava utenze cellulari, che cambiava in continuazione, intestate a persone inesistenti o ignare, il tutto grazie alla connivenza del gestore di un negozio di telefonia. In base agli elementi raccolti, i quattro sono stati denunciati alla procura della Repubblica di Udine per il reato di truffa in concorso, sostituzione di persona e usurpazione di titoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuove regole da stasera: cosa succede per scuole, bar e ristoranti

  • Un friulano è "fotografo dell'anno" per National Geographic

  • Fedriga: "Misure restrittive proprio per evitare un nuovo lockdown"

  • Bar aperti oltre la mezzanotte, c'è una prima "vittima" delle nuove regole

  • Annullate le sagre, ma a Udine c'è un posto dove poter mangiare castagne con la ribolla

  • Udinese-Parma 3:2 | Le pagelle: Pereyra il migliore, Nicolas fuori fase

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento