Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Calci, pugni, minacce, rapine e atti persecutori: fermati i ragazzi del "branco" di Udine

La Polizia di Stato di Udine ha identificato alcuni minorenni residenti in città, responsabili di diversi episodi di rapina, tentata rapina, atti persecutori e lesioni personali ai danni di altri giovani

 

La Polizia di Stato di Udine ha eseguito 4 misure cautelari emesse dal G.I.P. del Tribunale per i Minorenni nei confronti di minori ritenuti responsabili di rapine aggravate, tentate rapine, atti persecutori e lesioni personali, in più occasioni, nei confronti di altri coetanei nel capoluogo udinese.

Operazione "Generazione Z"

I poliziotti della Squadra Mobile da ottobre dello scorso anno, nell’ambito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Trieste, hanno avviato un’attività denominata operazione “GENERAZIONE Z”, nei confronti di alcuni minorenni responsabili della commissione di rapine, tentate rapine, atti persecutori e lesioni personali, nei confronti di altri coetanei, avvenuti nella città di Udine.
Le azioni criminose, verificatesi tra l’ottobre 2020 e il febbraio scorso, avvenivano in prevalenza in luoghi frequentati da ragazzi (fast food, giardini pubblici, stazione delle corriere e dei treni) e hanno visto quali protagonisti dei giovani minorenni (sia italiani che stranieri), in alcune circostanze con la complicità di ragazzi maggiorenni, che si muovevano in gruppi omogenei e interscambiabili i quali individuavano la loro vittima che, sentendosi minacciata dal “branco”, era costretta a subire passivamente la volontà dei suoi aggressori, al fine di evitare conseguenze ancor più gravi.

I fatti

Il 26 ottobre 2020, all’interno di un noto fast food di Udine, dopo aver accerchiato, strattonato e minacciato la vittima, gli autori si sono impossessati dei panini che questa aveva appena acquistato nonché del cappellino e delle scarpe che indossava.
Il 5 novembre 2020 a Udine, presso un parco comunale, si sono avvicinati alla vittima prescelta e dopo averla accerchiata intimorendola, i giovani le hanno strappato dal collo la catenina che, subito dopo, hanno rivenduto a un vicino compro oro.
Il 1 dicembre 2020, a Udine, presso la stazione delle autocorriere, dopo aver picchiato con sberle, pugni e calci la vittima, gli aggressori hanno strappato dal collo la catenina e si sono impossessati altresì di un orecchino e del cellulare, obbligandolo poi ancora, a calci e con fare minaccioso, a salire sull’autobus per allontanarlo dal luogo. Nella circostanza uno degli indagati è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico.
Tra il mese di dicembre 2020 e gennaio 2021, a Udine, presso la stazione delle autocorriere in più occasioni, la stessa vittima è stata presa di mira e molestata da due minori tanto da cagionarle un perdurante stato di paura.
In un’altra circostanza è stata spintonata contro una delle vetrine, bloccata e colpita al volto con un pugno, per obbligarla a consegnare loro il borsello di marca; una seconda volta minacciata con una pistola finta puntata alla tempia e le è sata rivolta la frase “se non me lo dai ti ammazzo”; una terza volta, colpita con un pugno al volto tanto da provocarle una contusione alla mandibola con una prognosi di 7 giorni, poiché si era rifiutata di commettere un furto di vestiti presso un noto centro Commerciale.
Il 9 febbraio scorso, a Udine, presso la stazione dei treni, la vittima è stata accerchiata impedendole di muoversi, e dietro ripetute minacce di una male fisico, gli aggressori si facevano consegnare il monopattino su cui viaggiava e il denaro che aveva con sé.

L'indagine

Sulla base degli elementi raccolti il P.M. della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Trieste ha richiesto e ottenuto, delegandone l’esecuzione alla Polizia di Stato di Udine, alcune misure cautelari. Sono in fase di esecuzione 2 misure custodiali in Istituti Penali Minorili nei confronti di due ragazzi di 15 e 16 anni; altri due ragazzi di 15 e 17 anni saranno convocati invece presso Comunità per Minori fuori Regione. Nell’ambito della stessa attività, sono state delegate e in fase di esecuzione le perquisizioni locali e personali nei confronti di altri 10 minori di età compresa tra i 15 ed i 17 anni, coinvolti nelle indagini.

Potrebbe Interessarti

Torna su
UdineToday è in caricamento