Terza corsia, abbattuto stanotte il cavalcavia di Fauglis

Oltre 150 persone al lavoro stanotte per demolire il cavalcavia che da Gonars porta a Torviscosa. L’intervento rientra nei lavori di realizzazione della terza corsia

L'abbattimento del cavalcavia

Oltre 150 persone al lavoro fra tecnici, operai, ausiliari della viabilità, operatori della manutenzione e Polizia Stradale, nella notte fra sabato 2 e domenica 3 dicembre, per demolire il cavalcavia che da Fauglis porta a Torviscosa.

L’intervento rientra nei lavori di realizzazione della terza corsia, nel primo sub lotto – da Gonars a Palmanova -  del quarto lotto Gonars –Villesse.

007 Demolizione ponte Fauglis 03-12-2017. © Foto Petrussi-2

I lavori

Oltre alla demolizione del cavalcavia sono state effettuate anche la rimozione dei portali segnaletici ed a pannello a messaggio variabile; l’adeguamento della segnaletica orizzontale delle rampe dell’allacciamento A4/A23 (nodo di Palmanova; il ripristino del guard rail centrale in prossimità del cavalcavia demolito e, infine, la manutenzione della pavimentazione in A4 nel tratto compreso fra Latisana e San Giorgio di Nogaro in direzione Trieste e in prossimità dello svincolo di uscita di Latisana.

Una serie di lavori che hanno richiesto una coordinazione perfetta fra tutte le ditte impegnate sul posto e un’attenta preparazione sia per quanto riguarda la gestione della viabilità (il nodo di Palmanova è stato chiuso dalle 21,00 di sabato 2 alle 9 del mattino di domenica 3 dicembre) autostradale e ordinaria, sia per quanto riguarda la sorveglianza sulle modalità di esecuzione dei lavori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intervenire su un nodo di interconnessione, dove si incrociano la A4 e la A23, infatti, richiede un accurato studio dei flussi di traffico e la predisposizione dei percorsi alternativi per accompagnare gli utenti che devono raggiungere le località di destinazione attraverso la viabilità normale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È finalmente cassa integrazione, l'Inps dice ok ai pagamenti

  • La Croazia taglia fuori gli italiani: turisti solo da 10 paesi europei

  • L'Austria non apre all'Italia, Fedriga: "Distrutta qualsiasi regola europea"

  • Spiagge, nuova ordinanza in arrivo: ecco cosa deciderà

  • Finestrini sfondati: "Le forze dell'ordine si occupino di quello per cui le paghiamo, non di multe ai locali"

  • Incendio nella notte alle porte di Udine, in fiamme un locale

Torna su
UdineToday è in caricamento