La contessa Cassis Faraone è stata uccisa «per un'eredità»

Secondo la ricostruzione della stampa austriaca all'origine del gesto del figliastro Tono von Goess ci sarebbero questioni di carattere economico

Il castello di Schloss Bockfließ, dove è avvenuto il triplice omicidio (foto da www.meinbezirk.at)

Margherita Cassis Faraone è stata uccisa dal figliastro, il 54enne conte Anton "Tono" von Goess. Tono, che ha ammazzato anche il padre Johan Ulrich, di 93 anni, e il fratello 52enne Ernst ha confessato il triplice delitto. Avrebbe agito a causa di una serie di dispute familiari, secondo la ricostruzione fatta dalla stampa austriaca. Il delitto è stato consumato nel castello di Schloss Bockfließ a Mistelbach, località a una sessantina di chilometri a Nord di Vienna, nel land della Bassa Austria. 

La confessione

A parlare di questioni familiari è stato il procuratore che segue le indagini, dopo aver interrogato von Goess. L'uomo è stato portato nella prigione di Korneuburg, carcere che si trova nei dintorni della capitale austriaca, nel pomeriggio di venerdì. 

Le tensioni

Secondo quanto riferisce il sito oe24.at i rapporti tesi si sarebbero palesati in occasione del compleanno di Johann Ulrich von Goess, la scorsa settimana. Si parla di "grande tensione", con particolare riguardo al destino di una società vitivinicola di proprietà della famiglia e su come dovesse esserne gestita l'eredità. In base a quanto riportato anche la contessa Faraone avrebbe avuto un ruolo nella querelle, perorando la causa del marito e alimentando così la distanza con il figlio.

L'autopsia

La pubblica accusa ha commissionato un rapporto tossicologico, psichiatrico e forense. L'autopsia sui corpi è prevista per l'inizio della prossima settimana. Tono ha freddato i familiari con cinque colpi di fucile da caccia. La polizia e i pubblici ministeri hanno infatti parlato di «diversi colpi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il testimone

Verso le 14 di giovedì un testimone ha sentito sparare al castello, allertando immediatamente la polizia, presentatasi in forze sul posto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore in carcere a soli 22 anni, la Procura apre un'indagine

  • Mascherine 3D riutilizzabili: l'invenzione di due aziende udinesi

  • Coronavirus: salgono a 1436 i casi positivi, 119 in più in un solo giorno

  • Triatleta corre 16 km in giardino «per le persone in prima linea per la nostra salute»

  • Coronavirus: cala il numero dei contagi, due nuovi decessi

  • Coronavirus, contagi in aumento dopo il fine settimana di calo

Torna su
UdineToday è in caricamento