Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca

Il Tar rinvia la decisione sul ricorso, l'avvio del porta a porta a Udine slitta ancora

Il Comune di Udine ha presentato in ritardo la documentazione necessaria e il Tribunale ha disposto il rinvio al 25 settembre

Ancora intoppi nell'iter per l'adozione della racconta differenzia porta a porta a Udine. Dopo che la giunta comunale ha annunciato di dover posticipare di un mese l'avvio del nuovo sistema di raccolta dei rifiuti, inizialmente previsto per ottobre, è arrivata la notizia del rinvio della decisione del Tar in merito alla questione sollevata da alcuni cittadini attraverso la raccolta firme per bloccare l'iniziativa del Comune. Il rinvio, con una nuova udienza fissata il prossimo 25 settembre per problemi procedurali, stopperebbe nuovamente l'avvio della raccolta dei rifiuti porta a porta.

Il rinvio

Il motivo del rinvio pare che risieda in un errore del Comune, che ha depositato oltre l'orario dell'ultimo giorno utile i documenti relativi alla comparsa di costituzione con i relativi allegati. L'avvocato dei firmatari che hanno fatto ricorso ha così potuto far valere l'eccezione, accolta dal Tar che ha così rinviato la decisione.

Il ricorso

Il ricorso parte dall'assunto che la realizzazione della raccolta "porta a porta", come voluta da NET e dalla Giunta con la sua delibera, "non rientra negli interessi della cittadinanza ed è affetta da vizio di eccesso di potere per contraddittorietà ed illogicità manifesta, difetto ed erroneità dei presupposti, difetto di istruttoria, difetto di motivazione ed irragionevolezza della scelta operata da parte della P.A.; inoltre vi è correlato un vizio di eccesso di potere riscontrabile nella evidente disparità di trattamento fra utenti residenti in aree diverse della città.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Tar rinvia la decisione sul ricorso, l'avvio del porta a porta a Udine slitta ancora

UdineToday è in caricamento