Raccolta di frutta in regione: «Su mele e pere danni da cimice fortemente ridotti»

A dare la buona notizia Coldiretti Fvg, che dopo un 2019 caratterizzato da danni anche del 100%, registra un 25% dei danni su 250/300 quintali di frutta

Diminuiscono i danni sulla frutta da parte delle cimici. A raccolta appena conclusa, nel latisanese, si contano 250/300 quintali di pere ad ettaro. Se nel 2019 si contavano danni che toccavano punte anche del 100 per cento sul raccolto, quest'anno il dato si abbassa toccando il 25 per cento.

Misure di protezione

«È il risultato della caparbietà con cui gli agricoltori hanno investito in misure di protezione – commenta il presidente regionale della Coldiretti Michele Pavan –, con conseguente lavoro aggiuntivo. Tra l’altro, è stata rilevata la presenza di ovature parassitizzate ancor prima del rilascio da parte del ministero dell’insetto antagonista. Evidente dunque che ci aspettiamo un ulteriore calo dei danni quando quell’intervento darà i primi, concreti effetti».

Monitoraggio

Pavan sottolinea il buon funzionamento del monitoraggio Ersa, d’intesa con le aziende Coldiretti, ma non dimentica di sollecitare la Regione «ad accelerare l’iter burocratico per gli indennizzi a favore delle imprese colpite dal fenomeno. Misure tanto più importanti in questa difficile fase di convivenza con la pandemia».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Meno danni

Dopo le pere, in una regione che mette insieme 1.200 ettari di coltivazione di mele (Gala, Golden, Fuji le varietà più diffuse) e altri 122 di pere, tocca alle mele (le Gala sono già state raccolte, a 600 quintali per ettaro). «Anche in questo caso – prosegue Pavan – l’annata si preannuncia positiva. A fronte di danni da cimice del 60% nel 2019, quest’anno non andremo oltre il 15-20%. Tutto questo in un contesto di prezzi adeguati, anche per l’incremento dei consumi nei mesi scorsi, con conseguente svuotamento dei magazzini. L’invito resta a evitare speculazioni e, per quanto riguarda i consumatori, a mangiare frutta locale, di qualità e sicurezza garantite». Da segnalare, infine, le gelate che hanno compromesso l’annata per alcune aziende per quel che riguarda pesche e pesche noci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Slovenia chiude nuovamente il confine con l'Italia, anche il Fvg è considerato zona rossa

  • Il ristorante non vuole chiudere e garantisce posti letto a prezzi stracciati

  • Covid 19: quattordicenne ricoverato a Udine in Medicina d'urgenza

  • Coronavirus, 334 contagi e tre morti: c'è anche una donna di 41 anni

  • Coronavirus, positivi alla Quiete, in ospedale a Palmanova, Udine e San Daniele

  • Fedriga e l'allarme Dpcm: "Spariranno migliaia di attività economiche"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
UdineToday è in caricamento