menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Simone Miani all'opera

Simone Miani all'opera

Vandalismi in centro: la denuncia dell'artista Simone Miani

Dopo i danneggiamenti nei confronti della sua opera il cividalese ha deciso di segnalare l'episodio alle forze dell'ordine. Per farlo ha usato anche del materiale video, dove si vedono i volti delle persone che hanno distrutto il suo lavoro

«L’indifferenza del bambino nei confronti dei pacchi regalo è identica a quella dei vandali nei confronti della cosa pubblica. A nessuno di quelli che hanno rovinato il mio lavoro sembra interessare nulla di quello che è di tutti». Il 31enna artista cividalese Simone Miani è decisamente amareggiato, e non potrebbe essere altrimenti, per il trattamento che ha ricevuto la sua opera di via Paolo Sarpi, inserita nel programma di installazioni e percorsi turistici ideato dall’amministrazione comunale per reinterpretare il Natale udinese.

Il suo lavoro prevedeva un mucchio di pacchi dono, con al lato un bambino concentrato su un tablet invece che sulla massa di regali a disposizione, ma l’allestimento è durato molto poco, rovinato da subito. «Solo per il bambino ho impiegato una settimana e mezza di lavoro, due settimane nel complesso. Tutto era stato pensato per resistere alla bassa temperatura, all’umidità e alle probabili piogge, con materiali speciali tra cui carta stagna e schiuma poliuretanica».

Senza problemi Miani avrebbe accettato qualsiasi tipo di critica alla sua scelta artistica, ma un comportamento del genere - con la distruzione sistematica della sua realizzazione - non è accettabile: «Si tratta di un’opera d’arte, e può piacere o meno. Serve anche a questo, a stimolare la discussione e le opinioni, positive o meno. Da lì a rovinare tutto ce ne passa però». I danneggiamenti, come accaduto anche per altri lavori di questo progetto in giro per la città, sono stati immediati:«Ho iniziato a montare il tutto il 17, e la mattina del 18 avevo già trovato i primi pacchi staccati che ho dovuto riassemblare. Il giorno successivo la situazione era ancora peggiore. Si vedeva chiaramente che qualcuno ci aveva saltato sopra a piedi pari».

Miani non intende lasciar passare la cosa, e ha denunciato l’accaduto alle forze dell’ordine. La sua segnalazione è stata integrata da del materiale video, dove si vedono chiaramente le facce di chi ha provocato i danni: «Avevo posizionato una telecamera nascosta, proiettata verso l’installazione, per un progetto che voleva filmare l’approccio dell’essere umano verso l’opera d’arte. Volevo cercare di capire come si comportasse l’uomo in queste situazioni». In questo caso i risultati dell’esperimento sono manifesti, e tutt’altro che incoraggianti.  

Un'immagine dell'opera completa

Opera1-4

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Anche la Croazia lancia le isole Covid free

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

UdineToday è in caricamento