rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Cronaca Centro / Largo Ospedale Vecchio

Costretta ad abbassare lo sguardo di fronte ad altri e a lavarsi le mani con l'acquaragia

Il trattamento sarebbe stato riservato a una giovane dall'ex fidanzato, un 25enne carnico. L'uomo è stato rinviato a giudizio dal tribunale di Udine

Abbassare il capo se per strada incrociava altri ragazzi e lavarsi le mani se toccava oggetti impugnati da altri uomini, cambi d’abito se non graditi o ritenuti inappropriati, minacce di raccontare la loro vita intima ai paesani. Al trattamento si sarebbero aggiunte anche percosse, calci, pugni, cinghiate e spintoni. Secondo le accuse il ragazzo le avrebbe addirittura lavato le mani con l’acquaragia, fino a fargliele bruciare, per un presunto contatto con un ragazzo che pensava potesse esserle piaciuto in passato. 

A questo tipo di umiliazioni, vessazioni, minacce e molestie sarebbe stata costretta una ragazza - all’epoca dei fatti ancora minorenne - da parte del suo fidanzato, un 25enne carnico. Una volta trovato il coraggio di lasciarlo la ragazza sarebbe stata anche tormentata con messaggi e chiamate, fino ad arrivare alla minaccia di essere uccisa o investita in auto mentre si trovava con un’amica. Il ragazzo è stato rinviato a giudizio per stalking e minacce (anche nei confronti dell'amica dell'ex fidanzata) dal tribunale di Udine. Prima udienza del processo il prossimo 20 febbraio. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Costretta ad abbassare lo sguardo di fronte ad altri e a lavarsi le mani con l'acquaragia

UdineToday è in caricamento